Inghilterra. Parte la rivoluzione su due ruote

Il premier britannico Cameron ha annunciato un investimento da 100 milioni di euro per incentivare l’uso della bicicletta in Inghilterra. Nella nazione d’Oltremanica è cominciata la rivoluzione su due ruote.

“Vogliamo una rivoluzione su due ruote”, ha annunciato David Cameron, dopo aver presentato l’ambizioso piano per incentivare l’uso della bici in Inghilterra. Più di 100 milioni di euro (94 milioni di sterline), per migliorare le piste ciclabili già esistenti o per tracciarne di nuove. Investimento che verrà suddiviso tra le maggiori città inglesi e quattro parchi nazionali.

Si tratta del più grande piano di sviluppo per la mobilità su due ruote di sempre per la nazione d’Oltremanica, che prevede di prendere ad esempio Paesi come Germania e Olanda, leader della mobilità su due ruote.

La parte più consistente andrà a Manchester, che riceverà 20 milioni di sterline, per migliorare e costruire 30 chilometri di piste ciclabili e per introdurre zone a 30 km/h in centro.

I quattro parchi nazionali che riceveranno una quota di 17 milioni saranno il Peak District, il Dartmoor National Park, il South Downs National Park e il New Forest National Park.

Con questo ingentissimo investimento, l’Inghilterra prende una netta posizione per quanto riguarda la mobilità sostenibile, proponendosi come futuro Paese più ciclabile d’Europa.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Disco soup, mille persone hanno cucinato scarti alimentari a ritmo di musica a Londra

In occasione del primo compleanno del Mercato metropolitano, mercato alimentare di Londra dove si trovano alimenti provenienti da diverse nazioni e anche da varie regioni italiane, volontari “armati” di coltelli e pelapatate si sono ritrovati per preparare una cena al ritmo di musica utilizzando materie prime destinate a essere buttate. Così si è tenuto il “disco soup” (soup vuol

Dalí e Duchamp, la strana coppia in mostra alla Royal academy di Londra

A un primo approssimativo sguardo le loro rispettive produzioni artistiche sembrano collocarsi agli estremi opposti della curva dell’immaginazione, ovvero da un lato al limite paradossale della sintesi e dell’astrazione concettuale duchampiana e dall’altro verso i più sfrenati eccessi onirici di quell’universo surrealista del quale Salvador Dalí fu l’indiscusso alfiere. “Dalí/Duchamp”, la mostra alla Royal academy di