L’Italia sarà il primo Paese a insegnare nelle scuole cosa sono riscaldamento globale e crisi climatica

Il ministro dell’Istruzione Fioramonti ha annunciato in esclusiva alla Reuters che da settembre riscaldamento globale e cambiamenti climatici diventeranno materia di studio nelle scuole.

Con il prossimo anno scolastico gli studenti faranno lezione di cambiamenti climatici per un totale di 33 ore all’anno, praticamente un’ora a settimana. Ad annunciarlo è stato il ministro all’istruzione Lorenzo Fioramonti, ex professore di Economia all’Università di Pretoria, in Sudafrica, in un’intervista alla Reuters.

Ministri: Lorenzo Fioramonti
Lorenzo Fioramonti, ministro dell’Istruzione © Lorenzo Fioramonti / Facebook

Da settembre si cambia il programma didattico, sarà in ottica di sostenibilità

A partire da settembre l’Italia cambierà il proprio programma didattico per rendere obbligatorio lo studio dei cambiamenti climatici e dello sviluppo sostenibile. Il processo di rinnovamento coinvolgerà tutte le scuole pubbliche. Ma non solo, molte materie tradizionali, come geografia, matematica e fisica, saranno studiate in una nuova prospettiva legata allo sviluppo sostenibile.

“L’intero ministero sta cambiando per fare della sostenibilità e del clima il centro del modello educativo”, ha detto Fioramonti alla Reuters. “Voglio fare del sistema educativo italiano il primo che pone l’ambiente e la società al centro di ciò che impariamo”.

Sciopero per il clima
Studenti durante la manifestazione per il terzo sciopero per il clima © Cecilia Bergamasco

L’appoggio del ministro Fioramonti allo sciopero per il clima

In occasione del terzo sciopero per il clima, promosso da Fridays for future, il ministro Fioramonti aveva scritto una lettera ai dirigenti scolastici e ai docenti invitandoli a giustificare l’assenza dei ragazzi che si sarebbero assentati da scuola per partecipare allo sciopero per il clima. Per questo era stato criticato dall’opposizione per aver incoraggiato gli studenti a saltare la scuola per manifestare per il clima.

Contro la crisi climatica, il verde entra nelle aule scolastiche

Il ministero dell’Istruzione (Miur) ha realizzato il sito www.ilverdeascuola.it dedicato alla raccolta di proposte provenienti da studenti, docenti e realtà scolastiche, relative ai temi dell’ambiente, del cambiamento climatico e dell’educazione alla sostenibilità. “La crescita di comportamenti consapevoli e di modelli di sviluppo sostenibile è determinante per il futuro dell’ecosistema terrestre e il Miur intende valorizzare le esperienze realizzate a scuola nell’ambito delle tematiche legate al rispetto dell’ambiente” si legge sulla home page del sito. Per questo motivo, studenti e docenti sono invitati a condividere attraverso la piattaforma i progetti di educazione ambientale realizzati e le buone pratiche sperimentate nel contesto scolastico.

Articoli correlati