L’aria: un elemento che nutre

Proteine, vitamine, carboidrati, lipidi e minerali: numerosi sono gli alimenti di cui l’organismo ha bisogno per funzionare.

Se anche non mangiassimo per giorni interi, vivremmo ugualmente,
basta che il nostro corpo venga idratato. L’acqua è infatti
un cibo importantissimo senza il quale l’organismo non
sopravviverebbe più di qualche giorno.
Se dunque mangiare è importante, bere lo è in misura
ancora maggiore.

Tuttavia, un’altro elemento ancora è di primaria importanza
per il nostro organismo: possiamo non mangiare e persino non bere
ma, come tutti sanno, non resisteremmo più di tre minuti
senza respirare.

Anche l’aria è un vero e proprio alimento, indispensabile
alla vita. Principale vettore dell’ossigeno, elemento al quale la
vita biologica è indissolubilmente legata, non solo “nutre”
il cervello, il sangue e, attraverso di esso, tutti i tessuti ma
interviene direttamente come elemento indispensabile
all’assimilazione di tutti gli altri.

Nel processo della digestione ad esempio, le molecole di
carboidrati complessi, come gli amidi, vengono scisse e ridotte a
molecole di glucosio, più piccole e in grado di esser
trasportate fino al sangue dove, mediante la rottura dei legami
chimici, liberano energia.

Per operare questa demolizione, è necessario l’ossigeno, che
il sangue trasporta fino alle cellule. La respirazione non è
che il processo attraverso il quale si attua l’assunzione e
l’utilizzazione dell’ossigeno per produrre energia dagli
zuccheri.

Questo del ciclo di Krebs, come è detta la lunga serie di
trasformazioni che subisce il glucosio, non è che un esempio
utile per riconoscere l’importanza dell’aria, vero e prorio
“alimento” per nutrire la vita.

Anche in agricoltura l’ossigeno è indispensabile. Nel
processo di trasformazione dei rifiuti organici in terriccio
fertile (compost), la cosiddetta decomposizione aerobica avviene
solo quando i microrganismi respirano aria.

Loredana Filippi

Articoli correlati