L’elogio dell’imperfezione

Alzi la mano chi, guardandosi allo specchio, non si

Negli ultimi anni sembra impazzare l’idea della bellezza come
“fisico perfetto”, un ideale che, seppur fugace e irraggiungibile
agli occhi di tutti, è diventato l’ennesimo cruccio per
dimostrarci ancora una volta che, volendo, all’infelicità
non c’è mai fine.

Come eterni adolescenti, rincorriamo modelli estremi creati nella
convinzione che bastasse pensarli per renderli reali. Il tempo
libero si è trasformato in una maratona tra salti del pasto,
allenamenti da far invidia agli atleti più scafati e corsi
di “taglia e cuci” dal chirurgo di fiducia.
Quello che potrebbe essere un “tempo per pensare”, per conoscersi
di più o semplicemente per dedicarsi agli affetti è
diventato un tempo svuotato di significati in cui allenare i
bicipiti anziché l’anima.

L’immagine sembra aver preso il posto della
fantasia
trasformandosi in un involucro protettivo nei
confronti della fragilità interiore e alimentando
così la confusione tra “l’apparire” e “l’essere”.
Sicuramente, avere cura di se stessi vuol dire anche prestare
attenzione al nostro corpo ma esaurirsi in questo può
diventare un ostacolo all’evoluzione.

Dare spazio alla bellezza significa cercare un’armonia
nell’insieme
di quello che siamo, mettere a fuoco
desideri, obiettivi, possibilità di realizzazione ma anche
imparare a rinnovarsi e crescere riempiendo la nostra
fisicità di un contenuto che anche l’inesorabilità
del tempo non potrà mai portarci via.

Gabriela Manzella

 

Articoli correlati
Shutdown. Perché gli Stati Uniti hanno chiuso tutto

Dai parchi nazionali ai monumenti. Gli Stati Uniti chiudono i battenti lasciando a casa 800mila dipendenti che lavorano per i principali enti federali, Nasa inclusa, per mancanza di soldi utili a finanziare i servizi pubblici.

Ci sono meno bambini che lavorano

La lotta al lavoro minorile nel mondo sta facendo progressi. Secondo i dati diffusi dal nuovo rapporto dell?Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) il numero di bambini costretti a lavorare

Siria, i rifugiati sono oltre 2 milioni

Le persone scappate dalla Siria hanno superato i 2 milioni. Solo un anno fa i rifugiati erano 231mila secondo quanto riportato dall’Alto commissariato per i rifugiati delle Nazioni Unite (Unhcr).

Scontri anche a Madrid, contestato Rajoy

Il corteo ha bloccato alcune strade del centro di Madrid, in particolare quelle che si trovano vicino alla sede del Partito popolare spagnolo. Qui i manifestanti hanno iniziato a chiedere le dimissioni del primo ministro Mariano Rajoy