La scelta facile e difficile dell’energia pulita per la casa

La scelta dell’energia elettrica per la propria casa sembra difficile. In effetti, c’è una certa pigrizia iniziale, da vincere. Ma poi, si fa in 4 click.

La transizione energetica verso le rinnovabili è partita. In tutto il mondo i maggiori investimenti sono sulle nuove energie pulite, i giganti dell’hi tech fanno funzionare i loro potentissimi server a energia solare ed eolica – vantandosene pubblicamente – e fioccano i dati dei sorpassi delle fonti pulite su quelle fossili, dalla Scandinavia alla Cina. Tanto è vero che, secondo gli analisti, nemmeno i governi più reazionari e legati al petrolio potranno frenare questo inarrestabile sviluppo.

In Italia i trend sono come al solito altalenanti. Grazie ai vari Conti energia abbiamo il primato europeo per quota di fotovoltaico sui consumi nazionali, però non sfruttiamo appieno l’energia eolica e, se si tratta di mettere al bando le trivellazioni petrolifere nei nostri mari, non riusciamo a pronunciarci con una bella maggioranza schiacciante.

Scegliamo noi, ora, l’energia pulita per casa nostra

Per sorpassare le indecisioni dei politici, ognuno di noi ha uno strumento a portata di mano. Tagliar via i vecchi fornitori che si basano su impianti termoelettrici che bruciano carbone, pet coke o addirittura oli industriali usati e rifiuti indifferenziati, e dare un messaggio chiaro e netto.

Tutti noi, per tutte le case ora possiamo già scegliere il proprio operatore (e dal 2018 sarà un obbligo): è l’occasione per scegliere energia pulita.

È facile.

Ed è anche difficile perché è necessario smuovere una certa pigrizia, che ognuno di noi cova. Ma in realtà, non lo è. Alcuni credono ancora che servano interventi al contatore, addetti che bussano alla porta, irritanti operatori che telefonano. Quindi, sembra difficile. Invece no. Se si è orientati alla sostenibilità e non si vuole perdere tempo né avere seccature, oggi ci sono formule di adesione rapide, sicure, smart, senza alcuna complicazione per gli utenti.

Grazie a LifeGate è ancora più facile: si va online e in quattro passaggi, senza disdette né scambi di lettere cartacee (poco ecologiche) e con l’innovativa firma Otp (come quella delle banche) ci si può avvantaggiare della fornitura di energia LifeGate per tutte le case.

La scelta dell’energia, il gesto più efficace e importante per ridurre la CO2

Ognuno di noi fa qualcosa di buono, per l’ambiente. Dalla scelta di ciò che mangia a come ci si muove. Abbiamo compiuto un’estensiva ricerca di fonti scientifiche e rapporti istituzionali per capire l’efficacia, in termini di CO2, di tutti i comportamenti virtuosi. Se mangi solo cibo bio, a seconda del regime che segui (dal carnivoro al vegano) il risparmio in emissioni di CO2 annue varia da 50 a 147 kg. Se usi solo la bici per andare al lavoro, invece della macchina, su un tragitto di 5 km, risparmi 250 kg di CO2 annua. Se guidi un’auto ibrida, per una percorrenza media di 11.000 km annui, —500 kg di CO2. Se diventi vegetariano, rispetto a un onnivoro riduci le emissioni di CO2 di 504 kg. E, se decidi di cambiare energia per la casa e smettere di bruciare petrolio per accendere la luce, il risparmio in termini di CO2 annua rispetto all’attuale mix energetico italiano è di 1.380 kg annui. Quasi una tonnellata e mezza di CO2 in meno all’anno, per ogni casa in cui arriva solo energia pulita.

Non costa di più, richiedi la simulazione a [email protected]

Manda per una simulazione dei costi l’immagine della tua bolletta a [email protected], oppure vai sul sito energy.lifegate.it, o chiama lo 0297070357.

LifeGate è dal 2000 il primo network interamente dedicato alla sostenibilità in Italia. Oggi, con il lancio dell’offerta di energia pulita per la casa, completa la sua offerta di servizi in linea con i più alti valori delle persone attente all’ambiente.

Questo articolo è parte della campagna Interdependence Day promossa da UBI Unione Buddhista Italiana e LifeGate.
Articoli correlati