L’Alaska è la nuova Florida

Presto la Florida sarà sostituita dall’Alaska, più sicura a livello climatico e più stabile.

Presto i pensionati statunitensi (e non solo loro) perderanno il mito della Florida, come terra del relax e della vita calda e tranquilla, per passare al mito dell‘Alaska, dove le temperature sono decisamente meno alte, ma i rischi di alluvione sono molto, molto più bassi.

 

Questo è quello che accadrà, o che dovrebbe accadere, secondo Camilo Mora, professore di geografia presso l’Università delle Hawaii e autore principale di un articolo pubblicato su Nature che parla proprio delle aree degli Stati Uniti che saranno più colpite dal cambiamento climatico e di quelle che lo saranno meno.

 

Secondo lo studio di Mora, anche se nessuna zona verrà risparmiata dagli effetti del riscaldamento globale, vi sono alcune regioni degli Stati Uniti che se la passeranno meglio di altre: si tratta del Nord-ovest del Pacifico e del Midwest.

 

“Le coste stanno tutte per affrontare un innalzamento delle temperature”, ha detto Mora. La data del “punto di non ritorno” per Washington DC è il 2047; Los Angeles ha tempo fino al 2048; San Francisco fino al 2049 e Chicago fino al 2052. Detroit ha tempo fino al 2051 e Anchorage al 2071.

 

lalaska-e-la-nuova-florida_2

Turisti a Miami beach durante l’uragano Sandy. Foto © Getty Images

“Il posto migliore per migrare sarà davvero l’Alaska“, ha detto Mora. “L’Alaska sarà la prossima Florida entro la fine del secolo.” Il ricercatore ha specificato che, mentre la California sarà interessata da siccità e incendi, molte città sulla costa atlantica come Washington o New York potrebbero essere inondate entro il 2100 e Miami è stata considerata una delle più fragili al mondo, il nord del Pacifico e la striscia di terra che comprende anche il Canada saranno relativamente più stabili, meno soggette ai mutamenti e al fenomeno dello stress idrico.

 

Anche per Clifford Messa, un professore di scienze dell’atmosfera presso l’Università di Washington e autore di un blog molto popolare sul clima, si prevede che il Pacifico nord-occidentale sarà “un potenziale rifugio”, anche se alcune città sulla costa orientale (come Portland o Seattle) potrebbero avere meno problemi di altre.

 

Nonostante queste considerazioni, gli spostamenti interni verso zone fragili sono ancora frequenti, come ha rilevato Thomas C. Peterson, scienziato della National Oceanic e National Climatic Data Center di Atmospheric Administration. “Le persone si stanno ancora muovendo da luoghi relativamente sicuri nel midwest per luoghi lungo la costa della Florida, dove il rischio è in aumento.”

 

Previsioni catastrofiche a parte, gli scienziati auspicano una massiccia azione di adattamento ai cambiamenti climatici da parte delle città più a rischio, per evitare ai cittadini di dover trovare rifugio a nord.

 

lalaska-e-la-nuova-florida_3

New York è una delle città che maggiormente si dovranno adattare al clima che cambia. Foto © Getty Images

 

Nei prossimi trent’anni gli Stati uniti dovranno darsi molto da fare. L’estate sta arrivando.

Articoli correlati