Le canzoni delle barriere coralline studiate dall’intelligenza artificiale

Un’intelligenza artificiale è in grado di monitorare la salute delle barriere coralline analizzandone i suoni. Lo studio dell’università di Exeter.

  • Una nuova ricerca dimostra che l’intelligenza artificiale (ia) può controllare le barriere coralline analizzando i suoni e i rumori emessi dagli elementi che le compongono.
  • L’università di Exeter ha utilizzato il programma per monitorare l’avanzamento dei progetti di ripristino dei coralli.
  • Le serie di registrazioni hanno identificato con successo lo stato di salute della barriera il 92 per cento delle volte.

Che rumore fa una barriera corallina? L’università di Exeter, in Inghilterra, ha deciso di scoprirlo per fini scientifici. Un team di ricercatori ha creato un programma di intelligenza artificiale in grado di determinare la salute delle barriere coralline ascoltandone i suoni prodotti. Gli organismi viventi composti dai polipi che si trovano nei fondali di mari e oceani, infatti, producono suoni e rumori complessi dovuti al passaggio di pesci e di altri animali. L’analisi con intelligenza artificiale di queste speciali canzoni permette di ottenere dati utili a misurare la salute dei coralli e avviare di conseguenza progetti di recupero.

Un ricercatore posiziona un microfono fra i coralli
Un ricercatore posiziona un idrrofono fra i coralli © Ben Williams – Exeter

Le canzoni che piacciono ai coralli

Nello studio diretto dal professore Ben Williams, un algoritmo informatico è stato addestrato utilizzando un vasto numero di suoni provenienti sia da barriere coralline sane che da quelle degradate, consentendo alla macchina di apprendere la differenza. L’intelligenza artificiale ha quindi analizzato delle nuove registrazioni ed è riuscita a identificare con successo la salute delle barriere coralline il 92% delle volte. “Le barriere coralline stanno affrontando molteplici minacce, inclusi i cambiamenti climatici, quindi monitorare la loro salute e il successo dei progetti di conservazione è fondamentale”, ha affermato Williams.

Finora, una delle maggiori difficoltà è che le indagini visive e acustiche delle barriere coralline si basavano su metodi ad alta intensità di lavoro nei quali solo scienziati addestrati possono collaborare. “Le indagini visive sono limitate anche dal fatto che molte creature della barriera corallina si nascondono o sono attive di notte, mentre la complessità dei suoni della barriera ha reso difficile identificare la salute utilizzando registrazioni individuali”, spiega Willams. Il team di Exeter ha scelto un approccio tecnologico ispirato all’apprendimento automatico per realizzare un programma in grado di riconoscere il canto di una barriera corallina in buono stato. “I nostri risultati mostrano che un computer può rilevare schemi che non sono rilevabili dall’orecchio umano. Può dirci più velocemente e con maggiore precisione come sta la barriera corallina“.

Barriera corallina in degrado
Barriera corallina in degrado © The Ocean Agency

A cosa serve la barriera corallina e come evitare il degrado

Le registrazioni utilizzate nello studio sono state effettuate in Indonesia, dove alcune delle barriere coralline locali sono gravemente danneggiate. Gli autori della ricerca affermano che il metodo con Ai crea grandi opportunità per migliorare il monitoraggio di questi importanti organismi. “Questo è uno sviluppo davvero entusiasmante. Registratori di suoni e intelligenza artificiale potrebbero essere utilizzati in tutto il mondo per monitorare la salute delle barriere coralline e scoprire se i tentativi di proteggerle e ripristinarle stanno funzionando”, aggiunge Tim Lamont, co-autore dello studio. “In molti casi è più facile ed economico installare un idrofono sottomarino su una barriera corallina e lasciarlo lì, piuttosto che avere subacquei esperti che visitano ripetutamente la barriera per esaminarla, specialmente in località remote”.

Circa il 25-50 per cento delle barriere coralline del mondo è stato distrutto e un altro 60 per cento è minacciato, secondo il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente. Questi ecosistemi sono fonti vitali di cibo e proteggono anche le coste delle nazioni insulari. 850 milioni di persone vivono entro 100 km da una barriera corallina e traggono beneficio economico dalla barriera più vicina. In futuro, Williams è convinto che il programma con intelligenza artificiale potrebbe essere esteso ad altri siti in tutto il mondo al fine di aiutare in progetti di restauro. “Ora vogliamo inviare registratori in giro per il mondo: alle Maldive, alla Grande barriera corallina, in Messico e in altri luoghi dove abbiamo partner che possono raccogliere dati simili”. La protezione dei coralli passa anche dalle loro canzoni.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Un olivastro di migliaia di anni in Sardegna è arrivato terzo agli European Tree of the year awards 2024

Sale sul podio l’olivastro millenario di Luras, in Sardegna, nell’ambito del prestigioso riconoscimento European tree of the year 2024: l’albero italiano ottiene il terzo posto, dietro a “The weeping beach of Bayeux” in Francia e al vincitore “The heart of the garden” in Polonia, quest’ultimo accreditato con quasi 40.000 voti. European Tree of the year