Conferenze sul clima

Madrid, decine di migliaia in piazza: la Cop 25 salvi il clima

“Ora o mai più”. A Madrid gli attivisti di Fridays for Future si sono rivolti direttamente ai dirigenti del mondo: “La Cop 25 sia quella della svolta”.

Contestazione, speranza. Ma anche rabbia. Il corteo che, in occasione del quinto sciopero mondiale per il clima, ha attraversato le strade di Madrid, ha portato con sé sentimenti diversi. La voglia di continuare a credere che sia possibile convincere chi detiene il potere, per usare le parole dell’attivista svedese Greta Thunberg, ad agire. Finalmente, concretamente e definitivamente. Ma anche la voglia di gridare la propria collera nei confronti di un mondo che ancora non ha deciso di impegnarsi in modo sufficiente.

 

La piazza di Madrid: “Ci stanno tradendo”

“Chi governa ci sta tradendo e noi non lo vogliamo più accettare – ha affermato Greta al termine del corteo -. Ne abbiamo abbastanza. Ma il cammino è ormai tracciato, che lo vogliano o no, perché non c’è altra scelta”. La giovane ecologista aveva dovuto abbandonare la manifestazione dopo circa un’ora, per via dell’eccessiva “attenzione” di giornalisti e simpatizzanti nei suoi confronti. Ha quindi raggiunto l’arrivo del corteo a bordo di un’automobile.

In strada, c’è stato chi ha portato con sé una bara, simbolo di un pianeta che rischia di essere condannato. Altri hanno marciato scandendo slogan ed esponendo striscioni le cui parole sono risuonate per l’intero percorso: “Senza pianeta, non c’è futuro”, “Il capitalismo uccide la Terra”. E anche visioni in qualche modo contrapposte tra loro: il “Clima, ora o mai più” del Wwf e il “Questa conferenza è una farsa”, firmato da un gruppo di “sinistra rivoluzionaria”. E poi musica, canti, balli.


Al termine della marcia ha preso la parola anche l’attore spagnolo Javier Bardem, particolarmente impegnato per la causa climatica: “Viviamo uno dei momenti più critici della nostra storia. E per la prima volta, parliamo con una sola voce”, ha spiegato. Prima di puntare il dito contro Donald Trump, giudicato “uno stupido” per la scelta di avviare la procedura per l’uscita dall’Accordo di Parigi.

Ai giovani di Fridays for Future anche il sostegno del Dalai Lama

Nel frattempo, il corteo dei giovani di Fridays for Future, che ha contaminato gente di tutte le età a partire dalla stazione ferroviaria di Atocha, aveva concluso il proprio percorso. Quindicimila persone secondo la polizia spagnola: una valutazione apparsa prudente da chi era presente sul posto. E lontanissima dai 500mila evocati dagli organizzatori.

Ai quali è arrivato, tra i tanti, anche il sostegno del Dalai Lama, che in un tweet ha affermato: “Non possiamo sfruttare la Terra al di là delle sue risorse, senza preoccuparci delle future generazioni. Sono per questo con i giovani che manifestano contro l’inazione dei governi di fronte alla crisi climatica”. Ora ciò che servirà è portare tale pressione all’interno della Cop 25, la Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite che terminerà il 13 dicembre. E che dovrà tradurre l’Accordo di Parigi in atti concreti.

Articoli correlati