Anche Torino ha il suo Maua, il museo di arte urbana aumentata che valorizza la street art in città

Inquadrando i murales torinesi con uno smartphone nascono nuove animazioni digitali, grazie al progetto Maua. Un vero e proprio museo urbano che “sfrutta” l’arte cittadina gratuita.

Accessibile a tutti gratuitamente dal 6 aprile, il Maua a Torino si appresta a essere, come già è successo a Milano, un’opportunità per esplorare e vedere con nuovi occhi la street art che popola i muri e le zone anche meno conosciute della città. Un museo d’arte urbana formato da 46 opere di street art che vengono animate grazie alla realtà aumentata: si passeggia, si ammirano i murales e, grazie a una app, si entra in una nuova dimensione – artistica e cittadina. Per guardare oltre.

Maua Torino
Dal 6 aprile Bepart anima con la realtà aumentata 46 opere di street art a Torino. Il Maua anche a Torino.©p-x-ciuca

Il progetto di Torino è figlio di quelli già sperimentati a Milano e Palermo che hanno riscosso un buon successo (più di 80.000 le visualizzazioni di queste opere digitali) e soprattutto sono stati in grado di dare nuova luce a delle forme d’arte spesso considerate minori. Non è sempre semplice per i cittadini apprezzare la street art, quella autentica. In moltissimi faticano a distinguere la vera arte, benché di strada, da banali imbrattamenti o addirittura dal vandalismo. Maua può, oltre a creare una diversa forma d’intrattenimento per residenti e turisti, essere un manifesto di quest’arte, contemporanea e altrettanto segnante. “Visitare” il museo è molto semplice: la prima cosa da fare è stabilire il proprio tragitto, scegliendolo liberamente tra quelli da fare in città (per questo ci si collega al sito dedicato www.mauamuseum.com, si utilizza la app Bepart o il catalogo Maua distribuito negli Info-point torinesi). A ogni tappa poi, che corrisponde a un’opera, l’esperienza raddoppia: i murales infatti, inquadrati con lo smartphone, generano un nuovo contributo e si trasformano in un lavoro di digital art appositamente creato per il museo con il coinvolgimento di oltre 200 studenti, creativi e digital artist.

Leggi anche: Nasce Maua, il museo di arte urbana aumentata per scoprire la street art di Milano

Le aree della città coinvolte nel progetto sono quattro e sono state per l’occasione anche definite: lungo la Dora “Alla ricerca dell’acqua: le fondamenta della città”; Verso sud “Alla ricerca del fuoco: le stanze della fabbrica” , verso le montagne “Alla ricerca dell’aria: le pareti delle montagne”, verso nord “Alla ricerca della terra: i muri interiori”.

Maua street art
Un momento della mappatura della street art torinese da parte dei ragazzi delle scuole. ©Maua

Maua il museo a cielo aperto che fonde la realtà con il digitale

Maua è un progetto giunto a Torino grazie a Camera – Centro italiano per la fotografiaBepart – The public imagination movement, in collaborazione anche con Iur – Innovazione urbana e rigenerazione e Base Milano. Per arrivare all’inaugurazione di questi giorni, nei mesi scorsi sono stati attivati dei laboratori di fotografia itinerante con oltre 120 studenti tra i 13 e i 18 anni che hanno avuto il compito di scovare la migliore street art della città di Torino. Una volta individuata – scegliendo gli artisti che non lavorano su tela, ma sui muri – l’hanno mappata e attivato scambi con la realtà degli artisti emergenti del panorama cittadino e internazionale e con il Comune di Torino. Un percorso che parte da lontano dunque e ha visto protagonisti proprio i giovani torinesi che saranno i fotografi ufficiali del catalogo edito da Camera, oltre che i curatori. L’inaugurazione è fissata per sabato 6 e domenica 7 aprile con una “mostra lampo” di una selezione di opere, sperimentabili dalle 13:00 alle 18:00 al Parco Aurelio Peccei di Piazza Ghirlandaio a Torino.

Leggi anche: Tutti pazzi per Banksy. 5 momenti che lo hanno fatto diventare una star

Gli altri appuntamenti da segnare sono previsti domenica 7 e 14 aprile: tour speciali, più ampi di quello già descritto, durante i quali si potrà vedere un’anteprima dei murales mentre si animano, sperimentando la realtà aumentata. Per chi lo desidera inoltre, a fine percorso, sarà possibile proseguire fino al Mausoleo della Bela Rosin per visitare la mostra “Maua”. La partecipazione è gratuita fino a esaurimento posti ma occorre prenotare qui. Ultima annotazione per gli appassionati di street art è il catalogo di Maua che comprende i contributi critici di una serie di autori illustri, tra cui quello di Martha Cooper, storica fotoreporter statunitense che ha fotografato la street art di New York sin dagli albori.

 

Articoli correlati