A Milano due secoli d’arte a ingresso libero: le Gallerie d’Italia

Spesso ci si lamenta del costo elevato di musei e mostre d’arte ma non si conosco a pieno le offerte delle nostre città. A Milano potete percorrere due secoli d’arte gratis e vi assicuriamo che ne varrà la pena.

Milano sede di Expo 2015, città della moda, della Borsa e del grande calcio: per un motivo o per l’altro il capoluogo lombardo ha sempre gli occhi puntati su di sé. Vogliamo farlo anche noi, andando alla ricerca di perle nascoste che, a nostro parere, dovrebbero suscitare più attenzione.

Parliamo d’arte e vi portiamo nelle Gallerie d’Italia, l’insieme degli spazi espositivi realizzati da Intesa Sanpaolo per rendere disponibile il proprio patrimonio artistico e architettonico, insieme alle collezioni provenienti dalla Fondazione Cariplo di Milano, altro partner del progetto.

Milano ©GettyImages

Probabilmente ci siete passati davanti centinaia di volte, ma non lo sapete, infatti si trovano in pieno centro: sono formate da un complesso di edifici storici situati fra Piazza della Scala, via Manzoni e via Morone.

La visita alle Gallerie vi permetterà di passare attraverso due secoli d’arte in un contesto che è anch’esso una perla, di architettura.

L’itinerario museale dedicato all’Ottocento, curato da Fernando Mazzocca, si articola in tredici sezioni e ventitré sale situate in edifici di grande valore architettonico e decorativo rivisitati dall’architetto Michele De Lucchi: Palazzo Anguissola Antona Traversi, e l’adiacente Palazzo Brentani, dove si respira l’atmosfera delle dimore nobiliari ottocentesche e potrete ammirare opere di Canova e Boccioni.

Il Cantiere del ‘900 si snoda invece al piano terra della sede storica della Banca Commerciale Italiana e ospita periodicamente diverse esposizioni monografiche; nei sotterranei si trova il deposito di opere d’arte della banca, visibile dall’esterno e visitabile dal pubblico.

Vagando, anche distrattamente, per le sale delle Gallerie potreste trascorrere piacevolmente un pomeriggio, fermarvi a mangiare qualcosa all’elegante café o perdervi tra i libri d’arte del bookshop. Un luogo piacevole, curato e attento alle cose che contano: per persone ipovedenti e non vedenti sono disponibili, su prenotazione, visite guidate gratuite.

Articoli correlati