Expo 2015

Premiati i padiglioni più green di Expo. Dal Messico al Cile, da Coca Cola a Coop

Design, materiali, energie rinnovabili. La sfida di Expo Milano 2015 era di ridurre l’impatto sull’ambiente. Ecco chi è stato premiato.

Expo Milano 2015 lascerà dietro di sé tutta una serie di iniziative, di sfide e di buone pratiche capaci di ridurre l’impatto ambientale dell’intera Esposizione. Un esempio per le future organizzazioni che dovranno gestire i prossimi “grandi eventi”.

 

EXPO-Festa-2-giugno-2015-foto-Daniele-Mascolo-8
© Daniele Mascolo/Expo 2015

 

Destinazione a fine vita dei padiglioni, materiali impiegati, energia utilizzata. Per questo già all’inizio dell’Esposizione universale è stato lanciato “Towards a Sustainable Expo” una sorta di contest, per rendere tangibili iniziative volte all’efficientamento dei consumi energetici e idrici, all’utilizzo di fonti rinnovabili, all’impiego di materiali riciclabili, ai progetti di riuso dei padiglioni.

 

“Abbiamo pubblicato diverse Linee Guida per indirizzare le scelte nella fase di progettazione e costruzione dei padiglioni e anche nella fase di acquisto dei beni e servizi utili per una esposizione dedicata all’alimentazione ed alla sostenibilità” spiega Gloria Zavatta, sustainability manager di Expo Milano 2015. “Si è trattato di un gran lavoro perché queste venissero capite ed applicate. Si è lavorato molto sul dialogo, per far crescere la consapevolezza”.

 

Così il padiglione del Messico, già a giugno, è stato premiato per l’architettura sostenibile, grazie alla tripla membrana che ricopre l’intera superficie del padiglione e che permette di sfruttare al massimo la luce naturale, riducendo così il consumo di energia elettrica.

 

Mentre è il Cile a fare incetta di premi, vincendo ben tre categorie, in quanto si è “distinto per l’uso di legno certificato Fsc, per l’offerta di alimenti biologici e prodotti realizzati dai piccoli produttori locali, e per la compensazione della CO2”.

 

Padiglione Monaco © Daniele Mascolo/Expo 2015
Padiglione Monaco, uno dei padiglioni menzionati nel premio © Daniele Mascolo/Expo 2015

 

Il padiglione Coca Cola si è aggiudicato due premi: uno nella categoria architettura sostenibile, grazie alla soluzioni adottate – niente aria condizionata, ad esempio, ma un sistema che sfrutta la parete d’acqua per regolare la temperatura interna – e in particolare alla seconda vita del padiglione, che diventerà un campo da basket donato alla città di Milano. L’altro relativo agli allestimenti, agli imballaggi utilizzati e ai prodotti di merchandising proposti, legati a progetti di cooperazione e sostenibilità.

 

Naturalmente è il Future Food Discrict di Coop uno dei padiglioni a vincere nella categoria dedicata alla sostenibilità del cibo, grazie agli esempi proposti di agricoltura alternativa capaci di aumentare le superfici coltivabili e di ridurre il consumo di acqua, alle diverse iniziative didattiche e a un sistema informativo innovativo sui prodotti.

 

A poche settimana dalla conclusione di Expo Milano 2015, si comincia a tirarne le somme. E al di là di tutte le critiche – più o meno costruttive – è possibile affermare come molte di queste iniziative e soluzioni possano considerarsi un successo.

 

Immagine di copertina Daniele Mascolo/Expo 2015
Articoli correlati