Mindful running, corsa e meditazione per essere consapevoli di corpo e mente

Fra le varie tecniche innovative, mindful running ha catturato l’attenzione di molte persone, che la vivono come strumento per migliorare la propria vita

Mindful running, ovvero la meditazione in corsa, è un nuovo strumento di allenamento che unisce la corsa alla pratica millenaria della meditazione. È un modo nuovo e innovativo che aiuta ad esercitare la nostra mente alla consapevolezza e che permette di ritrovare sintonia con il corpo durante il movimento. A ogni passo regala la possibilità di poter vivere in armonia con sé stessi e l’ambiente che ci circonda.

Cos’è mindful running

Viviamo ormai in modo frenetico e lentamente abbiamo perso la capacità di gustarci il momento, catturati dalla velocità che il mondo intorno a noi richiede. Programmiamo, decidiamo, ci muoviamo, siamo presenti fisicamente ma il nostro pensiero è altrove, proiettato nel futuro o alle esperienze del passato, ma sempre lontano dalla consapevolezza del presente.

Questa nuova tecnica nasce da un’idea di Moi Gonzàlez e Montse Rodrigues – autori del libro Mindful running. La corsa consapevole – e il loro intento è di associare la corsa alla mindfulness, definizione occidentale della pratica meditativa nata in Oriente che insegna ad avere piena consapevolezza e costante attenzione. Due discipline apparentemente distanti fra loro che, se ben miscelate, possono garantirci un nuovo percorso per raggiungere livelli importanti di benessere psico-fisico e un modo nuovo di entrare in contatto con il nostro corpo.

Corriamo sin da bambini, istintivamente con grande equilibrio © ingimage
Corriamo sin da bambini, istintivamente con grande equilibrio © ingimage

La corse consapevole

Corriamo istintivamente sin da bambini, in modo naturale e in perfetto equilibrio, capacità che nel corso degli anni tendiamo a perdere o meglio a dimenticare. Senza rendercene conto, crescendo separiamo il movimento consapevole dalla mente che vola altrove, perdiamo la percezione dell’istante e soprattutto del nostro corpo e delle sensazioni che proviamo.

Stress, ansia, paura, problemi quotidiani spostano i nostri pensieri, la mente prende le distanze dalla parte fisica e mentre agiamo siamo già proiettati nell’azione futura o rivisitiamo avvenimenti passati. Difficilmente siamo veramente focalizzati con l’intero essere sul momento che stiamo vivendo.

Leggi anche: Tecnica Alexander, il metodo di rieducazione muscolare per correggere la postura. E non solo

Lo scopo

Mindful running insegna a ritrovare una connessione consapevole con il corpo, così da permetterci di cogliere ed interpretare i messaggi che ci invia, trasformandoli nella possibilità di scoprire e migliorare le nostre potenzialità. Fermare la mente sul qui e ora, trattenere il pensiero su ciò che sta avvenendo, trovare dentro di noi risposte e risorse che ci appartengono è un allenamento fantastico per consentire alla mente di funzionare al meglio e che nel tempo può portare a un livello di coscienza più profondo.

Cresce la possibilità di attuare trasformazioni personali, comprendere e “sentire” in modo diverso le esperienze, negative o positive. Imparando ad abbandonare gli automatismi della quotidianità, la paura del futuro, l’ansia che ci assale quando dobbiamo affrontare qualche difficoltà, ci renderemo conto di quanta energia sprechiamo per far viaggiare velocemente altrove la nostra mente, energia che troverebbe miglior utilizzo per la creatività e l’azione nel presente.

Molto piacevole praticare mindful running in spiaggia fra il rumore delle onde © ingimage
Molto piacevole praticare mindful running in spiaggia con il fragore delle onde © ingimage

Mindful running, come allenare mente e corpo

Questa nuova disciplina si pratica in luoghi aperti, in posti dove possiamo stare a contatto con la natura, magari in spiaggia coccolati dal rumore delle onde. Per poter affrontare questo tipo di allenamento servono presenza mentale ed energia oltre a costante attenzione che nel tempo possiamo migliorare con la pratica.

Una serie di passaggi ci avvierà alla corsa, ricollegandoci lentamente alla parte fisica. Si resta per alcuni istanti fermi in piedi con gli occhi chiusi, cercando di spostare l’attenzione sul corpo, sui piedi appoggiati a terra e infine sul respiro. Si deve mantenere l’attenzione su questo momento, iniziando lentamente a camminare e successivamente a correre, ognuno con il proprio ritmo, cercando a ogni passo di percepire il terreno sotto di noi, i piedi che si muovono e il lavoro dei propri muscoli.

Bastano pochi minuti per riuscire a percepire il ritmo cardiaco che aumenta, lo si ascolta, ci si concentra su ogni battito e in breve tempo la mente è focalizzata unicamente sui movimenti e sui suoni del corpo. Non c’è spazio per altri pensieri, preoccupazioni o fatica, ma solo ciò che ci circonda e noi, concentrati sulle sensazioni del corpo in movimento nel “qui e ora”. L’importante è cogliere ogni sensazione, dal rumore delle foglie all’aria sulla pelle, dal calore del sole al ritmo dei propri passi.

Leggi anche: Aminoacidi essenziali, sport e potenza muscolare

Ogni sessione di mindful running si conclude con la rielaborazione dellesperienza © ingimage
Ogni sessione di mindful running si conclude con la rielaborazione dell’esperienza © ingimage

Conclusa la seduta di mindful running riviviamo ogni attimo dell’esperienza come fonte di ispirazione stando sdraiati sulla schiena a occhi chiusi, ascoltando il respiro e il battito del cuore che rallentano, mantenendo comunque l’attenzione sul corpo che lentamente riprende il suo ritmo normale.

Corsa consapevole per tutti

A chi non serve un percorso di mindful running? Svuotare la mente e riuscire a percepire ogni movimento del corpo vuol dire ritrovare equilibrio e capacità di concentrazione che consentiranno di vivere la vita con meno ansie, abbracciare uno stile di vita positivo e mantenere la consapevolezza di ogni gesto nel preciso momento in cui lo si compie. Diciamo pure a migliorare la qualità della nostra esistenza.

Articoli correlati