Muro di Berlino: 10 canzoni per ricordare

Il 9 novembre 1989 cadeva il muro di Berlino. Il legame fra la musica e il muro è sempre stato molto forte e la sua storia è costellata di brani musicali ispirati e dedicati a quello che, da simbolo di divisione e oppressione, è diventato simbolo di libertà.

Per 28 anni il muro di Berlino ha diviso in due non solo una città, ma l’intero assetto geopolitico mondiale. La sera del 9 novembre 1989, un portavoce del governo della DDR in una conferenza stampa in diretta tv, annunciava una riforma della legge sui viaggi all’estero: i cittadini della Berlino est avrebbero potuto varcare il confine grazie a un appropriato permesso.

Ma gli animi si infiammarono, così a est come a ovest, e migliaia di persone si accalcarono davanti al muro. Nella confusione di quella notte, ad un certo punto, venne dato l’ordine di aprire i posti di blocco e migliaia di persone si poterono abbracciare dopo quasi trent’anni.

Come ha sottolineato qualche anno fa l’ex presidente della Repubblica Federale Tedesca, Christian Wulff: “Il muro non è caduto nel 1989, ma fu buttato giù!”.

Pink Floyd – Another Brick In The Wall

Neil Young – After Berlin

David Bowie – Heroes

Yann Tiersen – Summer 78 (Good Bye Lenin! Soundtrack)

Nick Cave & The Bad Seeds – From Her To Eternity

Scorpions – Wind Of Change

Arcade Fire – Surf City Eastern Block

Beethoven – Sinfonia n. 9 (Concert of Freedom, Natale 1989 diretto da Leonard Bernstein)

Bruce Springsteen – Chimes Of Freedom (Live Berlino est, 19 luglio 1988)

Steven Van Zandt – Checkpoint Charlie

Alcune delle più iconiche foto in ricordo del muro di Berlino

Articoli correlati