Ora Google cerca l’energia del vento

Google Energy è il braccio energetico della corporation telematica, una divisione nata per curare le policy a favore delle energie rinnovabili – una linea già anticipata dal CEO Eric Schmidt…

Google Energy è il braccio energetico della corporation
telematica, una divisione nata per curare le policy a favore delle
energie rinnovabili – una linea già anticipata dal CEO Eric
Schmidt più di un anno fa.

Google non è nuova a investimenti nel settore delle energie
rinnovabili. Aveva già investito direttamente più 39
milioni di dollari in due centrali eoliche nel North Dakota e
precedentemente aveva acquistato BrightSource, eSolar e AltaRock:
tre aziende che stanno sviluppando nuovi tecnologie per l’energia,
rispettivamente solare, eolica e geotermica.

Ora Google Energy acquista 114 Megawatt di elettricità
prodotta da eolico all’anno per i prossimi 20 anni da NextEra
Energy, un’azienda dell’Iowa. Lo ha annunciato la stessa compagnia
di Mountain View, che con questa acquisizione si avvicina ad essere
“carbon neutral”. Gli impianti eolici cui BigG partecipa
utilizzerebbero, secondo quanto riferito da Rick Needham, “turbine
di ultima generazione e un sistema di controllo in grado di
garantire una delle fonti energetiche rinnovabili al consumo e
costo minore”.

Secondo il portavoce Jamie Yood, citato dal blog TechCrunch, questo
è solo il primo dei contratti che l’azienda vuole concludere
per assicurare energia verde ai propri centri dati. Le cifre
dell’accordo non sono state rese note, ma il prezzo dell’energia
acquistata dovrebbe restare immutato per tutto il periodo.

“Quando abbiamo deciso nel 2007 di diventare volontariamente carbon
neutral, – si legge nel blog societario – il nostro intento era
quello di assumere la responsabilità delle nostre emissioni
soluzioni ambientalmente sostenibili. Ci stiamo avvicinando a
questo obiettivo in tre modi: in primo luogo riducendo il nostro
consumo energetico tramite alcuni dei data center più
efficienti al mondo; cercando di alimentare i nostri impianti con
energie rinnovabili, come abbiamo fatto a Mountain View con una
delle più grandi istallazioni solari a livello di azienda.
Infine stiamo acquistando crediti di carbonio per le emissioni che
non possiamo eliminare direttamente”. In questo caso il Green Power
Purchase Agreement aggiunge una quarta opzione al portafoglio di
Google: comprare energia rinnovabile direttamente dalla fonte – il
parco eolico: “Non possiamo utilizzarla direttamente, quindi la
rivenderemo alla rete regionale”.

Articoli correlati
Piccolo

Per sfruttare l’energia dal vento in Italia, sono meglio gli impianti di piccola taglia, più facili da realizzare con consenso di cittadini ed enti locali. Lo dimostra uno studio realizzato…

Eolico. 87 miliardi al vento (risparmiati)

Nel 2015 l’energia eolica permetterà di risparmiare 23,7 miliardi di euro di carburanti fossili. L’Ewea (European wind energy association) precisa che questo risparmio sarà di 15,1 miliardi per il consumo…

L’universit

Continua la partnership tra Mitsubishi Electric e l’Università di Pisa per quel che riguarda lo sviluppo del fotovoltaico. Dopo l’impianto attivato nel 2008 sul tetto della Facoltà di Ingegneria Aerospaziale,…

Eolico. Il vantaggio

L’installazione e la produzione di energia eolica sta per raggiungere un costo tale da essere competitiva, anche economicamente, con l’energia generata dal gas naturale. Questo quanto dichiarato dalla American Wind…

Google. Il vento soffia nella rete

Dopo la Google Prius con un robot al volante, il gigante della rete con sede a Mountain View, California, sta per lanciare uno straordinario progetto riguardante la produzione di energia…