I cittadini dell’Arabia Saudita possono andare al cinema dopo un divieto durato 35 anni

I primi cinema in Arabia Saudita saranno aperti a marzo del 2018. Cade così un divieto durato oltre 35 anni. Anche le donne potranno andarci, ma a determinate condizioni.

Il bando sui cinema, in vigore in Arabia Saudita dagli anni Ottanta, non avrà più valore a partire dal 2018. Lo ha annunciato il ministro della Cultura e dell’Informazione Awwad bin Saleh Alawwad, riferendo che “la Commissione generale per i mezzi di comunicazione audiovisivi ha avviato il processo per rilasciare la licenza ai cinema del regno”. Entro il 2030 si punta all’apertura di oltre trecento sale: le prime dovrebbero essere pronte per il mese di marzo del prossimo anno.

Le motivazioni alla base della riapertura dei cinema

Il bando era stato istituito nel timore che i cinema trasmettessero film “immorali”, incentivassero i contatti fra genere maschile e femminile, e nella convinzione che rappresentassero una minaccia all’identità culturale del paese. Il principe erede al trono Mohammad bin Salman, però, che ha promosso la riapertura delle sale, ritiene che le forme di intrattenimento siano fondamentali per soddisfare i bisogni dei giovani. In più, “i cinema fungeranno da catalizzatore per la crescita e la diversificazione economica”, ha detto il ministro bin Saleh Alawaad. Si prevede che nei prossimi anni creeranno oltre 30mila posti di lavoro.

Il principe dell'Arabia Saudita
Il principe saudita Mohammad bin Salman © Nicolas Asfouri – Pool/Getty Images

L’obiettivo è creare forme di intrattenimento simili a quelle del resto del mondo

Ahmed al-Khatib, presidente dell’Autorità generale per l’intrattenimento, già in aprile aveva dichiarato all’agenzia di stampa Reuters che il suo obiettivo era quello di offrire alla popolazione saudita forme di divertimento “per il 99 per cento simili a quelle di Londra e New York”, pur rendendosi conto che un cambiamento del genere non è immediato. Al-Khatib ha aggiunto che la maggior parte dei cittadini del paese – circa l’ottanta per cento – sono moderati: amano viaggiare, vogliono andare al cinema e ai concerti.

riapertura dei cinema in Arabia Saudita
I giovani costituiscono una fetta importante della popolazione saudita, e sono sempre più alla ricerca di passatempi simili a quelli dei paesi occidentali © Jordan Pix/ Getty Images

Il Vision 2030

Il principe Mohammad Bin Salman è il promotore del Vision 2030, un piano di riforme che punta ad ammodernare l’Arabia Saudita e a potenziarne l’economia. Sono già due le vittorie importanti in quest’ottica: a partire dal 2018 le donne potranno guidare e andare allo stadio. La riapertura dei cinema è un altro tassello di questo percorso. Non si sa ancora quali film verranno proiettati ed è probabile che uomini e donne, almeno all’inizio, saranno separati, ma si tratterà comunque di un luogo di ritrovo per i giovani e per le famiglie. Sembra una cosa di poco conto, ma in realtà la speranza è che possa migliorare la qualità di vita e le relazioni sociali dei cittadini, e garantire un maggiore rispetto dei loro diritti. Tutti noi, comunque, sappiamo quanto sia piacevole vedere un film tanto atteso di fronte a una ciotola di pop corn, in compagnia, dalle comode poltroncine del cinema.

Articoli correlati