Salute umana e biodiversità sono collegate

Lo sostiene un nuovo studio presentato in occasione del quattordicesimo Congresso Mondiale per la sanità pubblica svoltosi in India.

Proteggere gli animali, le piante e gli ecosistemi del nostro pianeta equivale a preservare la nostra salute. È quanto emerge da un nuovo innovativo rapporto intitolato Connecting Global Priorities: Biodiversity and Human Health, presentato lo scorso febbraio nell’ambito del quattordicesimo Congresso Mondiale per la sanità pubblica che si è svolto a Kolkata, in India.

 

rana freccia

 

La relazione è stata realizzata dal Segretariato della Convenzione sulla diversità biologica (Scbd) e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) e si avvale del contributo di molte associazioni. Il collegamento tra il benessere umano e la diversità biologica è notevole e complesso e l’attuale perdita di biodiversità che sta avvenendo a ritmi senza precedenti sta alterando un delicato equilibrio.

 

Il rapporto spiega come biodiversità e salute siano strettamente legate e abbiano un impatto reciproco, ad esempio sulla qualità dell’acqua e dell’aria, sulla produzione alimentare e la nutrizione e sulla diversità microbica e le malattie non trasmissibili.

 

“La biodiversità è fonte di cibo, medicine, carburante, energia e mezzi di sussistenza e, non ultimo, di arricchimento culturale e spirituale – ha dichiarato Braulio Ferreira de Souza Dias, segretario esecutivo della Convenzione sulla diversità biologica. – Contribuisce inoltre a fornirci aria ed acqua pulita e svolge funzioni fondamentali che vanno dalla regolamentazione di parassiti e malattie al mitigamento del cambiamento climatico e delle catastrofi naturali”.

 

parco yasuni

 

Secondo gli esperti il cambiamento del clima avrà un grave impatto sulla salute umana, degradando i sistemi agricoli e diminuendo il contenuto nutrizionale di alcuni alimenti. In questo caso la biodiversità aumenta la resilienza, ovvero la capacità di ripresa degli ecosistemi, favorendo l’adattamento alle nuove condizioni ambientali.

 

La protezione delle barriere coralline, ad esempio, è indispensabile per ridurre il rischio di inondazioni, questi straordinari ecosistemi sono infatti in grado di ridurre l’energia delle onde del 97 per cento, proteggendo così oltre cento milioni di persone in tutto il mondo.

 

Il rapporto sottolinea anche l’importanza di consumo e produzione sostenibili e auspica un migliore accesso ai contraccettivi per rallentare la costante crescita della popolazione mondiale, tra le principali minacce alla salute e alla biodiversità.

 

colibrì

 

Per proteggere l’ambiente, e di conseguenza la nostra salute, il rapporto invita ad adottare stili di vita compatibili con la biodiversità, a mobilitare il settore della sanità pubblica e a intraprendere misure concrete per contrastare i cambiamenti climatici, i governi, infine, dovrebbero riconoscere l’evidente collegamento tra salute e biodiversità e adattare di conseguenza le proprie politiche nazionali.

Articoli correlati