Saper scegliere un olio essenziale

Per essere veramente efficace un olio essenziale deve essere accompagnato da un certo numero di precisazioni che ne garantiscano la provenienza

Ecco in breve cosa è necessario guardare prima di acquistare
un olio essenziale.

Elementi costitutivi
Famiglia, specie e sotto-specie botanica certificate. Deve essere
indicata la parte della pianta utilizzata (soprattutto quando non
è evidente), il paese d’origine (spesso indispensabile, che
deve poter essere indicato su domanda), la scelta delle
varietà scientificamente più interessanti, la scelta
di soggetti selvatici o di coltura ecologica, ogni volta che questo
è possibile.

Metodologia di estrazione
Deve essere fatta per estrazione con vapore acqueo o per pressione
a freddo (buccia d’agrumi), con esclusione categorica di estrazioni
con solventi chimici o per pirogenazione. Come preliminare
all’estrazione con vapore acqueo, l’olio essenziale di rosa,
viene
troppo spesso pre-trattato con solventi chimici, ma non bisogna
esitare a pagare il giusto prezzo, per l’autentico olio essenziale
di rosa, estratto esclusivamente tramite vapore acqueo.

Caratteristiche
Deve essere 100 per cento naturale, non denaturato da componenti
sintetiche, né da oli o essenze minerali; puro, non
ricostituito, non tagliato con altri oli essenziali, né con
oli grassi o alcol; non rettificato, non perossidato e non
deterpenato.

Rapporto qualità/prezzo
Anche il prezzo è un criterio di qualità;
principalmente, un prezzo troppo basso può essere la prova
incontestabile di una falsificazione, in quanto è
impossibile ottenere oli essenziali
autentici al di sotto di un certo prezzo. Lo stesso principio vale
per le creme, gel e oli, elaborati a partire da questi prodotti
nobili e preziosi. E’ illusorio sperare di trovare qualità
e
rivitalizzazione ad un prezzo incompatibile con questi criteri.

Jacques Paltz

Articoli correlati