A Savona autobus elettrici con ricarica wifi

Una tecnologia che potrebbe rivoluzionare il trasporto pubblico azzerandone le emissioni. I primi test a Savona.

La sperimentazione parte proprio in questi giorni. La Bombardier, azienda canadese specializzata in mobilità elettrica e già famosa per progetti simili, ha dato il via al progetto Primove. In pratica verranno forniti autobus a trazione elettrica, in grado di ricaricarsi una volta fermi ai capolinea. La tecnologia si basa sull’induzione magnetica. Ovvero due piastre, una installata sul pianale dell’autobus e l’altra sull’asfalto, permetteranno lo scambio di energia elettrica che caricherà le batterie. L’obiettivo è di arrivare ad avere un punto di ricarica ad ogni fermata, in modo da avere l’autobus sempre carico, eliminando di fatto il problema delle colonnine e quello delle lunghe soste per la ricarica.

Articoli correlati
Auto ed emissioni di CO2. Si cambia

Cambia l’intesa sui limiti di emissioni di CO2 imposti alle case costruttrici dall’Europa. Dopo l’ostruzionismo della Germania, colosso automobilistico, le aziende produttrici avranno più tempo per rispettare le regole.

In Bhutan le auto saranno elettriche

Rivoluzione nel sistema dei trasporti nel remoto Paese asiatico. Da marzo, iniziando dalle auto istituzionali, tutto il parco circolante verrà sostituito da auto elettriche. Mobilità ad emissioni zero, per il piccolo Paese alle pendici dell’Himalaya.

All’Ikea si ricaricano le elettriche

Il colosso svedese del mobile annuncia che doterà i 20 punti vendita sparsi sul territorio, di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici. L’obiettivo è diventare la prima catena della grande distribuzione in Italia a fornire questo servizio ai propri clienti.