Manno torna a casa, lo scimpanzé lascia la guerra in Iraq per andare in Kenya

Lo scimpanzé era detenuto in pessime condizioni in uno zoo privato in piena zona di guerra. Un’associazione animalista lo ha liberato e portato in un santuario.

Dalla sua gabbia di Dohuk, nel Kurdistan iracheno, a circa trenta chilometri da Mosul, Manno poteva sentire le esplosioni e i conflitti a fuoco tra i guerriglieri curdi e i miliziani dell’Isis.

Scimpanzé in gabbia
Gli scimpanzé, come tutti gli animali del resto, non sono fatti per vivere in gabbia. Soprattutto gli scimpanzé non devono essere tenuti singolarmente poiché hanno bisogno di contatti frequenti con altri scimpanzé e di stabilire legami sociali stretti, in gruppi misti per età e per sesso (Photo by: Auscape/UIG via Getty Images)

La storia di Manno

Manno è un giovane scimpanzé (Pan troglodytes) di circa quattro anni che qualche anno fa è stato trafugato illegalmente dalla Siria ad un costo di circa 15mila dollari e portato in un piccolo zoo privato di Dohuk. Oltre alla potenziale minaccia del vicino conflitto, l’animale viveva in condizioni terribili. Innanzitutto non aveva alcun contatto con altri membri della sua specie, cosa deleteria e pericolosa per questi primati dallo spiccato comportamento sociale, viveva inoltre in una piccola gabbia che non gli consentiva molti movimenti e aveva un’alimentazione completamente inadatta, che comprendeva dolciumi, patatine e altri snack e bevande contenenti caffeina.

Il salvataggio

Salvare Manno dalla sua prigionia e portarlo nella terra dei suoi avi non è stato facile. Sono stati necessari gli sforzi concentrati di associazioni per il benessere degli animali e organizzazioni internazionali di conservazione, sono occorsi inoltre mesi di trattative tra i funzionari di Iraq e Kenya, prima che il giovane scimpanzé  potesse essere trasferito in Africa. Sembra che sia intervenuto perfino il Primo ministro del governo regionale del Kurdistan per aiutare l’animale.

Guerra in Iraq
Manno era detenuto a pochi chilometri dal fronte di guerra. Le sue origini non sono chiare, Aljazeera riporta che è probabilmente nato da qualche parte in Africa centrale, ha visto i suoi genitori uccisi, ed è stato portato illegalmente in Medio Oriente. Altre fonti sostengono che Manno sia nato in uno zoo di Damasco (Photo credit should read AHMAD AL-RUBAYE/AFP/Getty Images)

Lo scimpanzé, il professore e l’avvocato

Manno deve però il suo ritorno alla vita soprattutto a due persone. La prima è Spencer Seykar, un professore canadese che nel 2013 ha scoperto l’animale in uno zoo privato nella città di Dohuk. L’altra è Jason Mier, avvocato che difende i diritti degli animali e direttore esecutivo dell’organizzazione per la tutela degli animali Animals Lebanon. Mier che ha ottenuto dal Ministero federale dell’agricoltura l’approvazione iniziale per confiscare lo scimpanzé allo zoo, ma il processo ha vissuto una lunga fase di stallo a causa del conflitto. Seykar invece, in occasione di un discorso tenuto all’università di Edmonton, in Canada, ha chiesto pubblicamente l’aiuto della celebre primatologa Jane Goodall.

Interviene Jane Goodall

L’etologa inglese non si è fatta pregare e ha coinvolto lo Sweetwaters Chimpanzee Sanctuary, santuario per scimpanzé dell’organizzazione conservazionista Ol Pejeta Conservancy che si trova a Nanyuki, in Kenya. “Considerata la difficile situazione dell’Iraq è stato estremamente difficile ottenere le autorizzazioni governative necessarie per assicurare il rilascio di Manno”, ha spiegato il dottor Stephen Ngulu, veterinario capo della Ol Pejeta Conservancy.

Santuario per scimpanzé
In Kenya Manno potrà ricongiungersi con altri membri della sua specie, nel santuario che occupa un terreno grande oltre cento ettari

Una nuova casa per Manno

Dopo lunghe trattative l’Iraq ha rilasciato il permesso di esportazione dello scimpanzé il 28 settembre. Manno è volato via dall’Iraq, dalla guerra, dalla prigionia e dalla solitudine ed è atterrato a Nairobi, in Kenya, il 30 novembre. Non è stato però possibile condurlo immediatamente al santuario, è infatti necessario monitorare lo stato psicofisico dell’animale e tenerlo in quarantena per 90 giorni, salvo imprevisti o complicazioni. Dopodiché Manno si unirà, gradualmente, alla grande comunità di scimpanzé del santuario. Lo staff della riserva gli troverà una madre adottiva che possa aiutarlo ad integrarsi nel branco, processo che potrebbe richiedere da sei mesi a due anni. “È difficile inserire un nuovo scimpanzé – ha affermato Ngulu – ma il vantaggio di Manno è che lui è ancora molto giovane, quindi la speranza è che possa portare gioia al gruppo”. È ormai solo questione di tempo, Manno è tornato a casa.

Articoli correlati