Superveloce, ibrida, elettrica, le parole della settimana a Ginevra

La Bugatti Chiron può anche aver rubato la scena a tutte le altre auto qui a Ginevra, con le sconvolgenti prestazioni da 420 km/h e le suadenti prese d’aria avvolgenti da 60.000 litri al minuto per il suo motorone a 16 cilindri. Ma la mancanza anche della minima presenza di un sistema ibrido a bordo ha deluso. A rincuorarci ci pensano ItalDesign, Koenigsegg, Rimac.

Tutti amanti dell’ecologia ma, a Ginevra, tutto ancora molto orgogliosi dei loro Suv e delle loro sportive. Secondo molti esperti e osservatori infatti, nonostante tutti i trend del mercato e le direttive politiche internazionali favoriscano clamorosamente le auto ibride ed elettriche, molti dei modelli più da batticuore qui al Salone di Ginevra 2016 sono ancora primordialmente ingordi di benzina.

Eppure i modelli puliti non mancano al Palaexpo ginevrino. Dal Suv sette posti Skoda Vision S a quello della Kia Niro, l’originale Toyota C-HR, la Lexus LC500H a trazione posteriore, la triplice versione eco della Hyundai, il fascino della Citroën E-Mehari, la Bmw 740e iPerformance con consumi dichiarati di 2,11 l/100 km e emissioni di 49 g/km di CO2… Bene anche Volvo con la V90, station wagon da complessivi 410 cv e autonomia elettrica di 50 km, e benissimo la Tesla Model X, stupendo Suv elettrico con porte ad ala di gabbiano.

L’emozione delle supersportive elettriche

In attesa delle imminenti Porsche Mission-E e Audi Q6 e-tron, Ginevra ci mostra le supersportive ItalDesign, Koenigsegg e Rimac.

ItalDesign GTZero

La supercar sportiva GTZero presentata all’ottantaseiesima edizione della kermesse svizzera si basa su un telaio modulare monoscocca in carbonio con batterie integrate, è spinta da tre motori elettrici in grado di erogare una potenza complessiva di 360 kW con una trazione integrale e quattro ruote sterzanti ed è in grado di raggiungere una velocità massima di 250 km/h
La supercar sportiva GTZero presentata all’ottantaseiesima edizione della kermesse svizzera si basa su un telaio modulare monoscocca in carbonio con batterie integrate, è spinta da tre motori elettrici in grado di erogare una potenza complessiva di 360 kW con una trazione integrale e quattro ruote sterzanti ed è in grado di raggiungere una velocità massima di 250 km/h

Solo a batteria, quasi 500 km di autonomia. Una hatchback, una 2+2 e una supersportiva in un unico guscio è la scommessa di quest’anno di ItalDesign. Le portiere a farfalla permettono di accedere all’abitacolo e di osservare parte della monoscocca in fibra di carbonio. Sul fronte aerodinamico troviamo le appendici attive sul cofano anteriore e di prese e sfoghi d’aria controllati dall’elettronica, ma è la coda tronca ad evocare tante concept del passato. Le fiancate sono dominate dai cerchi in lega da 22 e 23 pollici con a pneumatici Pirelli. È dotata della trazione integrale, delle quattro ruote sterzanti e di tre motori elettrici: due sono dedicati all’asse anteriore e un terzo invia la coppia a quello posteriore. In totale sono disponibili 483 CV con una autonomia di 500 km e tempi di ricarica di 30 minuti per l’80% dell’energia. La velocità massima è autolimitata a 250 km/h.

Rimac Concept_S

1.384 CV elettrici per la Concept S. Il sistema Rimac All Wheel Torque Vectoring (RAWTV) integra un motore elettrico per ogni ruota: sulla Concept S la potenza complessiva è pari a 1.384 CV e 1.800 Nm. L'energia è fornita dalla batteria da 82 kWh
1.384 CV elettrici per la Concept S. Il sistema Rimac All Wheel Torque Vectoring (RAWTV) integra un motore elettrico per ogni ruota: sulla Concept S la potenza complessiva è pari a 1.384 CV e 1.800 Nm. L’energia è fornita dalla batteria da 82 kWh

La Rimac è una casa costruttrice croata che dopo sette anni di attività presenta qui la Concept_One e la Concept_S. La Concept_One – otto costruite, sei vendute a 800mila euro l’una – aveva già 1.088 CV e 300 km/h. Per coloro a cui non basta, arriva la Concept_S, che aggiunge altri 300 CV (quasi 1.400 CV in totale), riduce il peso, aumenta l’aderenza con un gigantesco alettone. La Concept_S raggiunge i 100 km/h in meno di 2,5 secondi e i 200 in 5,6. Abbastanza da lasciare la Bugatti Chiron dietro gli scarichi… se li avesse, ma non li ha dato che è 100% elettrica.

Koenigsegg Regera

Koenigsegg stupisce tutti con una hypercar Ibrida, in carbonio da oltre 2 milioni di euro e 1.480 cavalli
Koenigsegg stupisce tutti con una hypercar Ibrida, in carbonio da oltre 2 milioni di euro e 1.480 cavalli

Il costruttore svedese presenta la sua nuova ibrida che abbina il mostruoso motore 5 litri biturbo V8 con tre motori elettrici da 700 CV: in totale 1500 CV su un’auto da 1.500 kg, 300 in meno della Chiron. La coppia istantanea dei motori elettrici fa filare la Regera da 0 a 100 km/h in 2,8 secondi, da 0 a 200 km/h in 6,6 seconds (alla Bugatti ne servono 6,5) e 300 km/h in un quasi incredibile 10,9 secondi, quasi il 25% più veloce della Bugatti. Per capirci, un’auto media di oggi va da 0 a 100 km/h in 11 secondi.

Articoli correlati