Una filosofia, tante filosofie

Letteralmente “amore per la sapienza”, la filosofia pu

Il termine Filosofia letteralmente significa amore per la sapienza,
ma con lo stesso si sono spesso indicate molte aree del sapere.

Fare Filosofia ha significato svolgere differenti attività
nel corso della sua lunga storia, le differenze di argomento hanno
determinato i termini da associare alla desinenza -logia, questo
finale, seconda parte di termini composti che derivano dal greco
antico, significa genericamente “discorso intorno al…”
completabile dall’elemento indicato dalla prima parte del
termine.

Inizialmente il Mondo, i pensieri sulla sua creazione e la sua
interpretazione occupavano un ruolo privilegiato: si trattava in
quel caso di Cosmologia (discorso intorno al cosmo), se i pensatori
spendevano il loro tempo immaginando quale sorte sarebbe toccato
agli uomini dopo che avessero lasciato questo mondo, sia che le
loro elucubrazioni avessero lo scopo di spaventare gli ascoltatori,
sia viceversa di tranquillizzarli, prendevano il nome di
Escatologia (éskatos=ultimo fine-ultimo destino).

Da un certo punto di vista tutto il campo del sapere e della
ricerca può essere considerato come diretta emanazione della
riflessione filosofica.

Ad esempio lo studio dei processi interni, mentali e affettivi
(Psicologia) o quello dei processi formativi e educativi
(Pedagogia), come la ricerca scientifica (discendente sperimentale
dell’antica Metafisica) hanno al loro interno, alla loro base una
metodologia (un discorso intorno al metodo) filosofica oltre che
essere discendenti diretti della stessa.

Oltre al fatto che quest’eclettica materia si è occupata
delle più disparate aree del sapere, dividendosi in branche
sempre più specifiche, come l’estetica per i discorsi
intorno all’arte, l’etica per quelli di carattere morale o la
teoretica per lo studio della produzione del pensiero, il carattere
comune s’identifica nell’avere eletto il discorso intorno all’uomo
e alle sue attività come argomento privilegiato.

Con il passare dei secoli molti sono gli argomenti che sono stati
presi ad oggetto della speculazione filosofica, sicuramente
più dei nomi che sono stati usati per indicarli.

Tante e varie sono le Filosofie oggigiorno, sia che si pongano
all’interno della sua tradizione sia che se ne discostino
sensibilmente; ad esempio in alcune delle sue divagazioni
post-moderne, a seconda che il soggetto principale della
riflessione sia Dio o l’uomo rispettivamente ha assunto i nomi di
Teosofia e di Antroposofia, invece nei suoi contraddittori rapporti
con le altre scienze si è proposta come arbitro imparziale,
dei limiti da opporre alla conoscenza scientifica, sua ultima
progenie, criticandone le strutture logiche e suggerendole
metodologie di ricerca, con il nome di Epistemologia
(episteme=conoscenza scientifica).

Massimiliano
Percio

Articoli correlati
Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Ipocrisie dell’anima

La Rochefoucauld può essere definito come un vero e proprio precursore dei grandi “maestri del sospetto”.