Verso una carta più ecologica

Ricercatori della Emory University di Atlanta hanno scoperto un catalizzatore chimico che permette all’ossigeno di sostituire gli additivi a base di cloro nell’estrazione della cellulosa.

La produzione della carta è una delle più grandi
industrie mondiali: annualmente vengono utilizzate 100 milioni di
tonnellate di pasta di legno.
Nonostante le enormi dimensioni del settore esso risulta essere
antiecologico e non solo per il taglio degli alberi che comporta.
Durante il processo vengono usati additivi chimici a base di cloro,
che sono fortemente tossici, per rimuovere la lignina, la colla
naturale che tiene insieme il legno, e lasciare la sola
cellulosa.
Per le carte di qualità più elevata, la polpa di
legno viene sbiancata e la lignina residua eliminata per mezzo di
cloro. Questo passaggio è quello dove sarebbe possibile
l’utilizzo del nuovo catalizzatore.

Alla fine del processo questo dovrebbe però essere rimosso
completamente, per evitare che tracce di esso finiscano nella
carta, visto che contiene metalli pesanti, come il tungsteno e il
molibdeno.

Siamo di nuovo di fronte a un circolo vizioso?

 

Articoli correlati
Contro la fame nel mondo: anatre e piante carnivore

Nei paesi in via di sviluppo, se gli agricoltori impiegassero metodi di coltivazione ecologici i raccolti potrebbero raddoppiare. Lo afferma uno studio condotto da Olivier de Schutter, Special Rapporteur ONU sul diritto al cibo.

Monodzukuri Global Survey 2006

Dai risultati di una recentissima indagine internazionale nel mondo delle imprese manifatturiere sulle risposte in merito alle preoccupazioni di maggior peso per l’impresa (oggi e tra tre anni) emerge anche un dato interessante sull’ambiente.

Il crisantemo? Buono per il latte

L’Istituto per il sistema produzione animale in ambiente mediterraneo del Cnr di Sassari ha individuato nuove interessanti proprietà del crisantemo.

Trionfa in Europa il genio italiano.  Ed è bio

Possono trasformarsi in sacchetti, posate e pneumatici. Sono plastiche. Ma si degradano come una buccia di mela. Le bio-plastiche italiane sono l’invenzione dell’anno in Europa. A colloquio con la ricercatrice e imprenditrice a capo di Novamont, Catia Bastioli.