Haruki Murakami. 1Q84

Atmosfere eteree, una sinfonietta di sottofondo, musica e impalpabili silenzi. Benvenuti nel mondo evanescente dell’ultimo romanzo di Haruki Murakami.

Si apre con la Sinfonietta di Leóš
Janácek questo romanzo. Una marcia militare cecoslovacca,
che sta ascoltando un taxista imbottigliato nel traffico. Una
musica epica, che stride fortemente con l’atmosfera metropolitana,
caotica e rumorosa che dà avvio all’opera. Una musica che
mette in moto, ma tiene sospesi.

 

La sospensione, insieme alla lentezza e alla grazia sembrano
essere proprio il punto chiave del nuovo e attesissimo romanzo del
giapponese Haruki Murakami. Una spietata e fredda killer, la
giovane Aomame, e Tengo, professore di matematica alla scuola
preparatoria all’università e autore di romanzi non
pubblicati, sono i personaggi chiave delle vicende ambientate in
questo strano anno di orwelliana memoria, il 1Q84. Sullo sfondo
Komatsu, l’editore dal carattere inafferrabile, che propone a Tengo
di riscrivere il romanzo “Il volo della crisalide” della giovane
Fukaeri, ragazzina enigmatica che si esprime in modo inusuale e
apparentemente algido.

 

Il racconto copre lo spazio temporale di nove mesi, suddivisi
in tre stagioni e tre libri; finora in Italia ne sono stati
pubblicati due, nell’unico volume Einaudi. Leggendo questo romanzo
si percepisce lo stile metafisico dell’autore, che è capace
di portarci al di là della realtà e di lasciarci in
dono una sensazione magica, quasi onirica. Una sensazione
bellissima da portarsi addosso a libro chiuso, quando sembra di
sentire la Sinfonietta e di vedere i personaggi muoversi lentamente
sulla scacchiera della storia. Capita, leggendo i libri di
Murakami: la sua passione per la musica (da giovane fu il gestore
di un club jazz) si infiltra tra le pagine, e anche se non la
sentiamo subito, in noi.

Un romanzo lento, da assaporare senza fretta. Ideale da leggere
d’inverno. Magari con la neve, così capace di rendere
l’atmosfera eterea, il silenzio ovattato, i gesti lenti e lontani.
Non resta che aspettare la terza parte qui da noi, in Italia, per
immergerci nuovamente in questa storia che sembra di un altro
mondo, dove ci sono due lune e di un altro tempo, un misterioso
1Q84.

Articoli correlati
Ultima chiamata

Il regista Enrico Cerasuolo con la collaborazione di Gaetano Capizzi, direttore di Cinemambiente, e di Luca Mercalli, uno dei più famosi climatologi italiani, hanno deciso di farne un documentario che cerca di capire, a quarant’anni di distanza, se siamo ancora in tempo per cambiare le nostre abitudini, se siamo ancora in tempo per un’ultima chiamata.

Ambrosoli. Qualunque cosa succeda

La storia di Giorgio Ambrosoli raccontata dopo trent’anni dal figlio, che ricostruisce i fatti attraverso i ricordi, le agende del padre, i documenti processuali, articoli e filmati d’archivio.

Ambrosoli. Liberi e senza paura

Il percorso che ha portato Umberto Ambrosoli alla candidatura in Lombardia. Un’intervista esclusiva, il lessico ambrosoliano, la cronaca delle primarie. Lo sguardo di un uomo sul patto civico che vuole rinnovare la società.

10 #natalibri, i libri per il Natale

Le vacanze di Natale sono il momento ideale per leggere: al calduccio, sotto una coperta morbida, con la neve che scende e non fa rumore. Ecco i nostri 10 consigli.