Qual è il modo più sostenibile di leggere un libro

I libri, cartacei o ebook, hanno un impatto sull’ambiente. In occasione della Giornata mondiale del libro scopriamo qual è il modo più “green” di leggere.

La lettura ha qualcosa di magico, permette a chiunque, ovunque si trovi, di essere catapultato in un altro tempo, in un altro corpo, persino in un altro pianeta. “Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… perché la lettura è un’immortalità all’indietro”, ha scritto Umberto Eco.

leggere all'aria aperta
Leggere all’aria aperta è sempre un piacere.

Anche i libri, però, hanno un impatto ambientale sul pianeta, siano essi di carta o elettronici, cerchiamo dunque di capire quale può essere il modo più sostenibile di leggere. È innanzitutto necessario comprendere le differenze di impatto tra libri cartacei ed ebook. Si potrebbe essere portati a pensare che i primi, che richiedono l’abbattimento di alberi, danneggino maggiormente l’ambiente. Anche la lettura digitale, sia che avvenga su computer, tablet o smartphone, o su un apposito ereader, implica un impatto sull’ambiente.

leggere ebook
Anche gli ebook hanno un impatto ambientale.

Bisogna infatti considerare l’intero ciclo di vita del libro, valutando ogni fase della sua esistenza, gli ebook, come molta tecnologia di consumo, richiedono l’utilizzo di terre rare, sostanze non rinnovabili e spesso tossiche, vanno inoltre valutati i processi di lavorazione che generano dispendio di energia elettrica, l’imballaggio, il trasporto, i consumi energetici durante il funzionamento e lo smaltimento.

Secondo il New York Times produrre un ereader corrisponde a stampare circa cinquanta libri. Ottimista è invece la Book Industry Environmental Council (Biec), secondo la quale un massiccio uso di ebook porterà a una riduzione delle emissioni del settore librario del 20 per cento nel 2020 e dell’80 per cento nel 2050.

La realizzazione di un libro di carta tradizionale comporta in media l’immissione nell’atmosfera di 27 chili di CO2 e il taglio di 24 alberi. Fortunatamente però sempre più case editrici scelgono di stampare su carta riciclata oppure certificata da Fsc (Forest Steward Council), quest’ultima garantisce che le materie prime siano ottenute attraverso un processo di lavorazione rispettoso delle foreste. Secondo uno studio condotto nel 2009, gli ebook hanno un impatto maggiore dei libri cartacei, ma questo si bilancia quando vengono accumulati un numero considerevole di libri.

Qual è il modo più rispettoso dell’ambiente di leggere?

Stockholm Public Library
La libreria pubblica di Stoccolma.

Il segreto sta nell’acquistare il minor numero di libri nuovi possibile, sia cartacei che ebook. Il modo più ecologico di leggere è prendere i libri in prestito dalle biblioteche, scambiarli con gli amici e donare quelli che non si leggono più. La condivisione, parola tanto in voga in era di social network, è il pilastro su cui da millenni si basano le biblioteche.

Articoli correlati