Filastrocche della buonanotte: ninne nanne per bambini

Prima di andare a dormire scegli la filastrocca ideale per il tuo bambino. Augura una dolce notte al tuo bebé con le ninne nanne più famose al mondo.

Nei bambini, l’accompagnamento al sonno mediato dalla narrazione non deve mai perdere il suo valore, soprattutto nell’attuale società tecnologica. Le filastrocche o le ninne nanne sono l’emblema del rito della buona notte e richiamano, in particolare, l’attenzione sulla qualità della cura che si vuole offrire al bambino.

Le numerose ricerche su questo tema non lasciano dubbi: pur rispondendo primariamente alle esigenze di cura, il rito dell’accompagnamento al sonno non può essere inteso come semplice pratica di addormentamento perché, secondo uno studio pubblicato su Pediatrics, le ninne nanne hanno effetti positivi anche sullo sviluppo dei bambini prematuri. L’adulto che si fa carico di tranquillizzare il bambino nel passaggio dalla veglia al sonno, gli concede un’attenzione esclusiva, giocata sulla sua presenza fisica, affettiva e sentimentale. È pertanto presenza globale che, dal momento in cui coinvolge corporeità e affettività, sa raggiungere i canali sensibili del bambino favorendo un clima di autentica fusione comunicativa e sentimentale.

ninne nanna per bambini
Nell’era della tecnologia, è bene conservare la tradizione della ninna nanna da ascoltare prima di addormentarsi © Ingimage

Cosa sono le filastrocche della buonanotte

Le ninne nanne, le nenie, le filastrocche sono generi letterari che, presentando caratteristiche strutturali di tipo essenziale, risultano da sempre adatte e immediatamente accessibili anche ai bambini piccolissimi. La loro particolare musicalità, le assonanze e le onomatopee, le modulazioni cantilenanti , l’andamento ritmico che è un tutt’uno con il dondolare e il cullare e con la tenerezza della gestualità affettiva, producono un effetto tranquillizzante sul bambino. È così che il piccolo trova la calma necessaria per abbandonarsi al sonno, ricevendo nel contempo una profonda sensazione di rassicurazione e di protezione. Va aggiunto che la ripetizione rituale dell’esperienza favorisce giorno dopo giorno un processo di interiorizzazione delle strutture relazionali sperimentate, rinforzando affettivamente il bambino nel suo intimo. La ninna nanna è quindi dimostrazione d’affetto, ma nel contempo è “nutrimento d’affetto”.

Leggi anche: Co-sleeping: perché ai bambini fa bene dormire nel lettone

Precisa Roberto Leydi (Canti popolari italiani , Mondadori 1973): “La funzione… non è solo l’addormentare i bambini, ma anche quella di avviare il processo di inculturazione del nuovo nato… Attraverso le ninne nanne, i bambini iniziano a conoscere le strutture linguistiche e musicali, l’uso delle parole e dei modi di dire, i personaggi, le abitudini, le tradizioni del proprio ambiente familiare e culturale, immergendosi – forniti di guida – nell’universo simbolico di significati che li circonderà da adulti”. La ninna nanna è in effetti gioco- ritmo, è parola ripetuta, è esercizio di ascolto e di imitazione, è percorso di fantasia, è forma elementare di conoscenza. In tale modo le ninne nanne, le filastrocche, le nenie e le tiritele diventano strumenti che concorrono allo sviluppo linguistico, all’affinamento dell’orecchio musicale, alla costruzione del senso ritmico, all’esercizio della capacità d’ascolto, alle primissime esperienze simboliche proprie di un determinato contesto culturale. Non a caso, la Commissione europea ha voluto preservarne il patrimonio culturale, promuovendo il progetto Lullabies of Europe, finalizzato alla raccolta e alla traduzione in 7 lingue delle ninne nanne dei diversi Paesi.

filastrocche della buonanotte bambini
Gli studi dimostrano che le ninne nanne sono ottime per infondere degli insegnamenti importanti ai bambini © Ingimage

Scegli le migliori ninne nanne per bambini

È interessante, infine, notare che se fino a pochi decenni fa l’accompagnamento al sonno era una pratica di pertinenza femminile e coinvolgeva esclusivamente la mamma, la nonna, la zia, e nelle classi nobili la balia, negli ultimi decenni, la cura dei figli vede protagonisti attivi anche i papà e i nonni. E questo non può che essere motivo di apprezzamento. Tuttavia, con la diffusione massiccia della tecnologia, qualcosa è cambiato sul piano della relazione educativa: gli strumenti tecnologici si sono prepotentemente infiltrati negli spazi di comunicazione adulto-bambino, diventando in non pochi casi vere e proprie presenze sostitutive dell’adulto stesso. L’accompagnamento al sonno non sfugge, purtroppo, a questa realtà. Così, un po’ per la fretta, un po’ per la stanchezza, un po’ per i ritmi frenetici a cui sono sottoposti, gli adulti trovano più comodo delegare ai diversi strumenti mediatici “quella voce narrativa” che tradizionalmente ha avuto il potere di dare tranquillità e tenerezza.

A partire da queste considerazioni, il libro “Dai… un’altra ancora. Filastrocche e rime della buona notte” accorre in aiuto ai genitori proponendo le migliori filastrocche della buonanotte raccontate da una voce narrante su cd: una scelta controcorrente rispetto alle logiche di mercato, ma sicuramente più favorevole ai bisogni di comunicazione e di ascolto dei bambini di oggi.

Articoli correlati
Tiziano Terzani: lettere contro la guerra

Tiziano Terzani scriveva questo libro tra 2001 e 2002, immediatamente dopo l’attacco alle Torri Gemelle. Ricordiamo il suo lungo pellegrinaggio di pace che non smette mai di essere attuale.