Nel 2020 in Russia caldo record e calotta glaciale ai minimi storici

L’istituto meteorologico della Russia ha spiegato che la temperatura è stata di 3,22 gradi superiore alla media del periodo 1961-1990.

La temperatura media annuale, sul territorio della Russia, è stata nel 2020 di 3,22 gradi centigradi superiore rispetto alla media del periodo 1961-1990. Sbriciolando così il precedente record, risalente al 2007, che è stato battuto di un grado centigrado.

La Russia si scalda più velocemente rispetto alla media globale

A riferire i dati è un documento pubblicato giovedì 25 marzo dall’istituto meteorologico Roshydromet, che ha anche indicato che la superficie della calotta glaciale, di conseguenza, ha registrato una ritirata storica nel corso dell’estate. “Lo scorso anno – ha spiegato l’organismo russo – è stato estremamente caldo nel nostro paese così come sull’intero Pianeta”. Precisando però che, in generale, “il tasso di riscaldamento in Russia è molto più elevato rispetto alla media globale”.

La crescita della temperatura nella nazione euro-asiatica, secondo il Roshydromet, è cresciuta infatti, dagli anni Settanta ad oggi, di 0,51 gradi centigradi ogni decennio. Il che ha provocato anche “una stabile tendenza verso una riduzione della calotta che ricopre le zone artiche”. In particolare, “nel 2020 la copertura a settembre è risultata di soli 26mila chilometri quadrati”, facendo segnare un record storico.

I picchi di caldo in Siberia e il rischio di un circolo vizioso

D’altra parte, che l’anno passato sia stato caratterizzato da un caldo eccezionale è stato confermato anche dai picchi straordinari registrati nel corso dell’estate in Siberia. Il 9 giugno 2020, la temperatura ha infatti toccato i 30 gradi centigradi a Nizhnyaya Pesha: condizioni del tutto inusuali per la zona. Sabato 20 giugno, poi, nel villaggio di Verchojansk – paesino popolato da mille abitanti nella nella Repubblica autonoma della Sacha-Jacuzia (Siberia orientale) – la colonnina di mercurio ha raggiunto i 38 gradi centigradi.

Russia, record di caldo nel 2020
Una mappa delle temperature record registrate in Siberia nel corso dell’estate 2020

Dati che preoccupano non solo perché figli dei cambiamenti climatici in atto sulla Terra, ma perché potenzialmente in grado di alimentarli, in un pericoloso circolo vizioso. La fusione del permafrost, strato di suolo ghiacciato che copre il 25% delle terre dell’emisfero settentrionale, può liberare nell’atmosfera enormi quantità di CO2 e di metano. Contribuendo così al riscaldamento globale.

Articoli correlati