Diritti umani

Angelina Jolie in Giordania tra i rifugiati: il mondo tace di fronte alla tragedia

L’attrice americana Angelina Jolie, inviata speciale dell’Unhcr, ha visitato il campo profughi di Azraq, in Giordania, dove vivono 60mila rifugiati siriani.

“Sono decine di migialia i rifugiati che si trovano alla frontiera tra la Siria e la Giordania. In una terra di nessuno. Uomini gravemente malati. Donne incinte. Bambini. Il mondo è al corrente della loro situazione da molti mesi ormai. Ma per loro non è stata trovata ancora alcuna soluzione”. Angelina Jolie, in visita in Giordania, ha denunciato ancora una volta le terribili condizioni nelle quali sono costretti a vivere i profughi siriani in fuga dalla guerra.

“Il mondo si chieda il perché della guerra in Siria”

È il caso del campo profughi di Zaatari, diventato ormai una delle città più grandi della Giordania, con i suoi 80mila abitanti. Un agglomerato senza strade, senza palazzi, senza mezzi di trasporto, affollato da migliaia di disperati in attesa, in alcuni casi da anni, di conoscere il proprio destino.

Angelina Jolie rifugiati Giordania
L’inviata speciale dell’Unhcr Angelina Jolie visita un campo profughi in Giordania ©KHALIL MAZRAAWI/AFP/Getty Images

Angelina Jolie, inviata speciale dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), ha parlato dal campo di Azraq, circa cento chilometri a nordest della capitale giordana Amman. “La comunità internazionale deve domandarsi quali sono le cause del conflitto siriano, e cosa occorre fare per mettervi fine”, ha dichiarato l’attrice americana. “Per favore – ha aggiunto rivolgendosi ai governi  di tutto il mondo – fate in modo di porre questo interrogativo al centro delle vostre discussioni”.

In Giordania aiuti umanitari bloccati da giugno

Nel frattempo, la Giordania ha deciso di bloccare (dallo scorso 21 giugno) tutti i convogli di aiuti umanitari verso i rifugiati bloccati alla frontiera. Ciò in ragione di un attacco suicida che è costato la vita a sette militari in una zona deserta del paese. Di conseguenza, le Ong sono riuscite a far arrivare i beni di prima necessità ai profughi solamente una volta nel corso dell’intera estate, all’inizio di agosto, utilizzando dei droni.

Angelina Jolie Giordania rifugiati
L’attrice americana Angelina Jolie ha chiesto nuovamente al mondo di agire per migliorare le condizioni di vita dei rifugiati siriani ©KHALIL MAZRAAWI/AFP/Getty Images

Ma la stessa Angelina Jolie ha sottolineato come le responsabilità della situazione non possano essere addossate unicamente al governo di Amman, lasciato troppo solo di fronte ad un’emergenza epocale. Il paese accoglie infatti almeno 630mila siriani registrati presso l’Unhcr (1,3 milioni secondo le autorità locali). E gli aiuti finanziari internazionali, ha dichiarato il re Abdallah, “coprono solamente il 35 per cento dei costi totali che dobbiamo sostenere”.

Articoli correlati