Avanzi popolo

E’ il nuovo libro di Letizia Nucciotti, già autrice de “L’antichef”: “Avanzi popolo”. Il titolo, già di per sé è molto creativo ed evocativo, invoglia alla lettura.

“Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”. E’ il
primo principio della conservazione della massa di Lavoisier. Cosa
c’entra con la cucina? C’entra, c’entra!

La serata è stata bella, gli amici se ne sono andati, la
tavola è disordinata. La cena è finita. Ma il cibo?
No, quello no. Spesso dopo i nostri pasti avanza. “E’ troppo poco
per domani… cosa ne faccio di queste tre carote?… Chi li
mangia questi spaghetti adesso?… Domani non sono a casa”.
Succede, no? E allora, cosa fare di questi avanzi? Distruggerli,
buttarli? No, trasformarli… (Lavoisier docet) in buoni
piatti!

Quante volte capita di non avere tempo di preparare il pranzo? La
soluzione apparentemente più facile e veloce sembrerebbe
quella di ripiegare sull’uso di cibi precotti industriali. Ma in
realtà non è una soluzione né facile,
né veloce. E soprattutto non è buona. Avanzando,
magari appositamente, qualche alimento dalla cena precedente
possiamo preparare un altro pasto degno di essere definito
tale.

Non si butta via niente, qui! Anzi, si riscopre l’amore per il cibo
e soprattutto per la sua preparazione. Un atto di amore e di
rispetto, per se stessi, per le proprie finanze (di questi
tempi…), per il cibo e soprattutto per i nostri palati!

E se un buon pasto inizia da una spesa fatta bene, anche questo
libro inizia con “La buona spesa” per illustrare brevemente quali
sono gli alimenti da avere nella propria dispensa. Si passa poi
alla parte più corposa fatta di ricette, divise per
tipologie di alimenti. E ogni ricetta ha una storia, un ricordo,
un’emozione, un racconto o un consiglio.

E’ il nuovo libro di Letizia Nucciotti, già autrice de
“L’antichef”: “Avanzi popolo”. Il titolo, già di per
sé è molto creativo ed evocativo, invoglia alla
lettura. Ma non c’è solo il titolo di creativo qui. Le
ricette contenute sono nate sì per recuperare avanzi di
pasti, ma, vedrete, sono proprio ricette di piatti vari e buoni, da
preparare anche ex novo per dare libero sfogo alla fantasia. Cucina
in libertà!

Articoli correlati
Ultima chiamata

Il regista Enrico Cerasuolo con la collaborazione di Gaetano Capizzi, direttore di Cinemambiente, e di Luca Mercalli, uno dei più famosi climatologi italiani, hanno deciso di farne un documentario che cerca di capire, a quarant’anni di distanza, se siamo ancora in tempo per cambiare le nostre abitudini, se siamo ancora in tempo per un’ultima chiamata.

Ambrosoli. Qualunque cosa succeda

La storia di Giorgio Ambrosoli raccontata dopo trent’anni dal figlio, che ricostruisce i fatti attraverso i ricordi, le agende del padre, i documenti processuali, articoli e filmati d’archivio.

Ambrosoli. Liberi e senza paura

Il percorso che ha portato Umberto Ambrosoli alla candidatura in Lombardia. Un’intervista esclusiva, il lessico ambrosoliano, la cronaca delle primarie. Lo sguardo di un uomo sul patto civico che vuole rinnovare la società.

10 #natalibri, i libri per il Natale

Le vacanze di Natale sono il momento ideale per leggere: al calduccio, sotto una coperta morbida, con la neve che scende e non fa rumore. Ecco i nostri 10 consigli.