Diritti umani

La storia della biblioteca costruita da un gruppo di ragazze nella Striscia di Gaza

Nella città di Deir al Balah un gruppo di giovani amiche ha deciso di dare vita a una biblioteca per portare gioia e cultura nella Striscia di Gaza.

La situazione tra Palestina e Israele, nonostante i relativi progressi fatti negli ultimi decenni, sembra destinata a non avere una fine. “Endless conflict”, conflitto senza fine, l’ha definita di recente il settimanale britannico Economist e non si può negare che il conflitto arabo-israeliano e la Striscia di Gaza siano stati una presenza pressoché costante sulle prime pagine dei giornali e siti di informazione degli ultimi decenni.

Se bombardamenti e guerriglia si prendono i titoli, altri problemi nella zona meritano la stessa attenzione: la disoccupazione, ad esempio, è al 60 per cento e l’uso di droghe, soprattutto oppiacei, è aumentato in notevole misura fra gli abitanti di Gaza. Avere speranza sembra impossibile in un luogo del genere, ma di recente un gruppo di ragazze ha trovato il modo di costruire qualcosa di importante per loro e per i loro concittadini.

Leggi anche: Il destino incrociato dello street artist Jorit Agoch e della ragazza palestinese che non teme l’esercito israeliano

La biblioteca di Sokaina

Nella città di Deir al Balah, al centro della Striscia di Gaza, alcune studentesse palestinesi aiutate dall’Unicef, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, hanno costruito dal nulla una biblioteca che offre anche corsi scolastici. In quella zona della Palestina i libri sono un bene prezioso quanto raro: per i 25mila rifugiati che vi abitano, nonché per i circa 430mila adolescenti del luogo, avere accesso a delle fonti di conoscenza è una necessità importante per distaccarsi dalla situazione problematica che vivono ogni giorno.

“Con i primi 300 dollari ricevuti dall’Unicef abbiamo comprato i libri, ma ci siamo accorte che non avevamo soldi per librerie e banchi”, ha detto Marah, una delle 40 ragazze che si è occupata del progetto. L’idea è nata da un gruppo di giovani amiche affamate di cultura ed è diventata in meno di un anno la biblioteca Sokaina, un nome che in arabo può significare pace. Grazie al coraggio di queste ragazze, la vita a Deir al Balah è cambiata.

L’importanza della lettura nella Striscia di Gaza

Nella Striscia di Gaza le scuole sono poco presenti e non riescono ad ospitare tutti i bambini della zona. Spesso questi istituti hanno anche un ruolo di aggregazione e ritrovo per la comunità, per questo il progetto Sokaina finanziato dall’Unicef ha un valore molto importante. Inoltre è raro per le donne palestinesi aprire un’attività o costruire qualcosa con le proprie mani (come fatto dalle ragazze con i banchi e le librerie), per questo la decisione presa dalle studentesse della Striscia di Gaza è coraggiosa.

Uno dei dipendenti Unicef che ha lavorato al progetto, ha voluto raccontare la propria esperienza personale per sottolineare i benefici della nuova biblioteca: “Leggere a Gaza è ancora più importante che altrove, perché siamo tagliati fuori dal mondo. Da dove i giovani possono prendere le loro idee altrimenti? La minaccia della violenza qui non è mai lontana. Ma un libro può aprire le menti”, ha concluso Mohammed Abu Sulaiman. Il miglioramento delle condizioni di vita in una zona di guerra passa anche da progetti semplici come quello delle ragazze di Sokaina, in grado di cambiare il destino di chi l’ha creato e di chi lo frequenta.

Articoli correlati