Premi Nobel

Bike the Nobel, la candidatura della bicicletta a Oslo grazie a Paola Gianotti

Con grande entusiasmo la ciclista Paola Gianotti pedalerà per consegnare le firme di Bike the Nobel del programma radio Caterpillar alla commissione di Oslo.

Premio Nobel per la Pace, perché non darlo alla bicicletta? Questa la proposta della campagna Bike the Nobel, la campagna del programma radiofonico Caterpillar culminata il 16 gennaio con la partenza da Milano verso Oslo, in Norvegia, della ciclista Paola Gianotti che porterà con sé la raccolta firme per la candidatura della bicicletta al Nobel. Paola Gianotti viaggerà per 2.000 chilometri in bici fino alla fredda Norvegia, il primo tratto del percorso avverrà in compagnia della Fiab.

 

paola gianotti bike the nobel
La ciclista Paola Gianotti parte per consegnare le firme a Oslo. Foto dalla pagina Facebook di Paola Gianotti

Leggi anche: Oslo sarà la prima città senza automobili dal 2019

Con la prima tappa si uscirà dall’Italia per arrivare in Svizzera. Poi un breve passaggio in Francia per continuare lungo la ciclabile che affianca il fiume Reno per ben 400 chilometri lontani dal traffico. In Germania si continua fino a raggiungere Duisburg dove Paola Gianotti percorrerà 5 chilometri della nuova superstrada per biciclette. Dopo la tappa in Danimarca un passaggio in traghetto per raggiungere i fiordi morvegesi e concludere la pedalata nordica a Oslo.

Le 10mila firme, che verranno consegnate il 28 gennaio alla commissione del Nobel in Norvegia, sono arrivate grazie al supporto di volti noti del ciclismo come il commissario tecnico della nazionale Davide Cassani e il vincitore del Tour de France 2014 Vincenzo Nibali, assieme a tanti appassionati delle due ruote. Per l’occasione il rapper Frankie Hi-nrg ha modificato la sua canzone “Pedala” dedicandola al Bike the Nobel.

“Sono onorata di poter partecipare in prima persona al progetto Bike the Nobel e di pedalare insieme a Paola Gianotti nel primo tratto del suo viaggio verso Oslo”, dice Giulietta Pagliaccio, presidente Fiab. “La spinta ideale di questa iniziativa non può che fare bene alle tante persone che quotidianamente credono e lavorano nella promozione della bicicletta e valorizza, parallelamente, l’importanza di scelte verso stili di vita sani e sostenibili”.

Articoli correlati