Il Botswana autorizza il fracking nel parco nazionale Kgalagadi condannando la natura

Il Paese ha venduto i diritti per l’estrazione di gas naturale in una delle aree dell’Africa più importanti dal punto di vista naturalistico.

Tra leoni, antilopi e ghepardi, nel parco transfrontaliero Kgalagadi, area protetta al confine fra Namibia, Botswana, Sudafrica, sorgeranno presto torri di trivellazione utilizzate per il fracking.

 

orici-Kgalagadi-botswana
Due orici (Oryx gazella) nel parco transfrontaliero Kgalagadi, area protetta al confine fra Namibia, Botswana, Sudafrica

 

È una tecnica utilizzata per estrarre gas naturale e petrolio dalle rocce presenti nel sottosuolo, utilizzando un getto ad alta pressione di acqua mista a sabbia e altri prodotti chimici per provocare l’emersione in superficie del gas. Sono ancora in larga parte sconosciuti, o quantomeno non divulgati, gli effetti che questa tecnica estrattiva provoca sull’ambiente e sulla fauna selvatica.

 

Il  governo del Botswana ha concesso in licenza alla Karoo Energy, una compagnia petrolifera quotata alla borsa di Londra, una vasta area del parco Kgalagadi (quasi la metà dell’intera superficie) da utilizzare per l’estrazione di gas. La denuncia arriva dal quotidiano britannico The Guardian che sostiene che i diritti sono stati venduti nel settembre 2014, quando l’azienda si chiamava Nodding Donkey, anche se la trattativa non è stata riportata in precedenza.

 

Gli ambientalisti e i funzionari del parco, tenuti all’oscuro della vendita dei diritti di trivellazione, sono preoccupati per l’impatto della perforazione sulla fauna selvatica. Il fracking rischia di compromettere un ambiente unico, oltre 36mila chilometri quadrati di deserto e savana, popolati da un’incredibile biodiversità, tra cui il l eone del Kalahari dalla criniera nera (Panthera leo verneyi), il falco pigmeo (Polihierax semitorquatus) e l’orice (Oryx gazella).

 

Oil pumps on sunset
Il fracking, o fratturazione idraulica, è una tecnica per estrarre gas naturale e petrolio dalle rocce di scisto

 

“Lo sviluppo dell’area e le infrastrutture che dovranno essere portate là rappresentano un altro chiodo nella bara delle aree selvatiche nel mondo”, ha dichiarato Gus Mills, biologo che ha vissuto nel Kgalagadi 18 anni per studiare ghepardi e iene. Le ripercussioni ambientali della perforazione potrebbero essere numerose, particolarmente pericolose potrebbero essere quelle sulle fonti d’acqua nel parco.

 

Il fracking avrebbe anche ricadute negative sul turismo in Botswana, risorsa fondamentale per il Paese e settore che impiega il maggior numero di lavoratori dopo le miniere di diamanti.

 

Olmo von Meijenfeldt, direttore dell’organizzazione sudafricana Democracy Works, è anche preoccupato per l’impatto sulle comunità rurali. “I governi dovrebbero essere riluttanti, se non addirittura ostili verso l’estrazione di risorse naturali per un beneficio a breve termine che contribuirà a deteriorare l’ambiente e la nostra capacità a lungo termine per lo sviluppo sostenibile e la riduzione della povertà”.

 

Kalahari-abitanti-locali
Il fracking è una minaccia anche per gli abitanti locali, rischia di avvelenare le fonti idriche e compromettere la bellezza paesaggistica a discapito del turismo

 

Nel corso della sua inchiesta The Guardian ha chiesto chiarimenti al governo del Botswana e alla Karoo Energy, senza però ottenere risposte.

Articoli correlati
Per proteggere le spiagge salviamo le dune

Senza le dune non esisterebbero nemmeno le spiagge. Ecco perché il progetto europeo Redune sta tentando di salvare parte della fascia litorale veneta, mettendo a dimora oltre 150mila piante.