Bruschetta piccante cavolo nero e cannellini

Una bruschetta che si fa pasto, proteico e piccante. La natura si sposa con il gusto, quello classico, dei nostri campi e della nostra tradizione.

Facile da preparare e impegnativa nel gusto, ricco e caldo, un bacio alla campagna e all’intensità dei suoi sapori. Una zuppa raccolta in un sol boccone, anzi due o tre…

Ingredienti per 4 bruschette

4 fette di pane integrale o semintegrale (possibilmente con le olive)
1 mazzo di cavolo nero
250 g circa di fagioli cannellini lessi
ricotta salata (a piacere)
2 spicchi d’aglio
1 peperoncino
olio extravergine di oliva
sale e pepe

bruschetta
Gli ingredienti per la nostra bruschetta di cavolo nero e cannellini © Beatrice Spagoni

Preparazione

Mondare e lavare il cavolo nero, poi eliminare la parte centrale della foglia e tagliare a pezzetti il rimanente.

Bruschetta
Togliete la parte centrale delle foglie del cavolo nero. © Beatrice Spagoni

In una padella antiaderente scaldare 2-3 cucchiai di olio, rosolarvi 1 spicchio d’aglio pelato con un pezzetto di peperoncino, quindi aggiungere il cavolo nero e lasciarlo insaporire qualche minuto. Aggiungere 1-2 cucchiai di acqua, coprire e continuare la cottura per circa 15-20 minuti.

Bruschetta
In un tegame cuocete il cavolo nero con olio, aglio e peperoncino. © Beatrice Spagoni

Intanto, in un tegame insaporire i cannellini con 2 cucchiai di olio e una bella macinata di pepe nero per circa 5 minuti, poi togliere dal fuoco. “Grigliare” le fette di pane su di una piastra rovente o sul fondo di una padella antiaderente. Quando la superficie sarà dorata togliere il pane dalla fiamma e strofinare la superficie delle fette da entrambi i lati con l’altro spicchio d’aglio pelato. Quando il cavolo nero sarà ben morbido, toglierlo dal fuoco, eliminare l’aglio e distribuirlo su ciascuna fetta di pane, aggiungere un cucchiaio di cannellini e cospargere il tutto con un filo di olio di oliva, qualche ricciolo di ricotta salata (a piacere) e servire subito.

Bruschetta
La bruschetta pronta per essere servita. © Beatrice Spagoni
Articoli correlati