I cactus purificano l?acqua

Arriva dalla natura un nuovo modo, semplice ed economico, per depurare l?acqua sporca.

Secondo quanto dimostrato dai ricercatori della University of South Florida di Tampa, un estratto della famosa pianta grassa sarebbe in grado di rimuovere i sedimenti e i batteri dall’acqua sporca.

Il nuovo studio, pubblicato sul New Scientist, prende spunto da una pratica tradizionale delle comunità messicane del XIX secolo. Le analisi dei ricercatori hanno confermato che l’estratto di cactus riesce a fare in modo che le particelle di sedimenti si uniscano tra loro depositandosi sul fondo, mentre la gomma della pianta grassa riesce a risolvere anche i problemi dei batteri, filtrando oltre il 98 % di quelli presenti nell’acqua.

“La diffusione del cactus, l’accessibilità e l’accettazione culturale ne fanno un materiale naturale attraente per le tecnologie di depurazione delle acque”, ha commentato la ricercatrice dell’università americana, Norma Alcantar.

 

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
#bastabufale, Laura Boldrini lancia un appello contro le fake news

Laura Boldrini, presidente della Camera dei deputati, lancia un appello contro le fake news, le cosiddette “bufale” sempre più presenti, e fuorvianti, sul web. “Essere informati correttamente è un diritto. Essere disinformati è un pericolo”, dice Boldrini che ha deciso di lanciare questa iniziativa (l’appello può essere firmato da chiunque dal sito www.bastabufale.it e condiviso sui social

Luaty Beirao, 5 anni di carcere per il rapper angolano dissidente

Cinque anni e mezzo di carcere: tanto è costato a Luaty Beirao, musicista e rapper angolano il suo impegno politico e la dissidenza al presidente Jose Eduardo dos Santos. La sentenza è stata emessa da un tribunale di Luanda che ha giudicato Beirao e altri 16 imputati colpevoli di voler rovesciare il governo e le

Il bancomat a Nairobi che non distribuisce denaro ma acqua potabile

Ricorda molto un bancomat questa “casa dell’acqua” operativa a Nairobi. Un distributore di quelli che si trovano anche nelle nostre cittadine. In questo caso però, il distributore d’acqua si trova in uno dei luoghi dove le condizioni di vita sono più difficili, ovvero nell’agglomerato di Nairobi chiamato Mathare. Popolazione stimata 500 mila persone.    

Greenpeace: sostanze tossiche nei vestiti dei bambini

Sono ftlati, composti perfluorurati, nonilfenoli e metalli pesanti. Sostanze chimiche utilizzate per rendere i capi di abbigliamento impermeabili, più morbidi, e dai colori sempre vivi. Sostanze chimiche che nel breve e lungo periodo possono cusare gravi danni sia alla salute che all’ambiente. È quanto si legge nelle pagine dell’ultimo rapporto di Greenpeace “Piccoli mostri nell’armadio”,