La Centrale dell’acqua di Milano riapre al pubblico con una mostra molto particolare

La Centrale dell’acqua di Milano riapre al pubblico con la mostra “Primo Levi. Figure”, dedicata alle opere scultoree in filo metallico di Primo Levi.

A seguito della riassegnazione della Lombardia in zona gialla, la Centrale dell’acqua di Milano ha riaperto le sue porte al pubblico. In questi giorni il museo di impresa di MM propone la mostra Primo Levi. Figure, prima tappa di un viaggio che la Centrale dell’acqua propone all’interno della cornice di appuntamenti chiamata #InCentrale, incentrati sul ruolo dei saperi tecnici nella società contemporanea e sulla dimensione identitaria della città di Milano.

La mostra Primo Levi. Figure alla Centrale dell’acqua

Esposta per la prima volta alla Gam di Torino nell’ambito delle iniziative per il centesimo anniversario della nascita di Primo Levi, la selezione di lavori in filo metallico a opera dello scrittore torinese nel periodo 1955/1975 viene ora proposta anche al pubblico milanese.

L’evento, realizzato insieme al Centro internazionale di studi Primo Levi di Torino, col patrocinio del Comune di Milano e la collaborazione dell’associazione Figli della Shoah, presenta diciassette lavori molto particolari, grazie ai quali il pubblico ha la possibilità di conoscere un aspetto poco noto di Levi.

Primo Levi, infatti, è principalmente conosciuto come autore dei libri Se questo è un uomo e I sommersi e i salvati e, recentemente, è stato finalmente riconosciuto come uno dei più grandi scrittori italiani. L’immagine più diffusa e conosciuta dell’autore, dunque, è quella di testimone di Auschwitz, emblema delle persecuzioni e dello sterminio nei campi nazisti.

Con questa mostra celebriamo un Primo Levi forse meno conosciuto: l’uomo di scienza e di tecnica e, al contempo, l’uomo incline alla fantasia ed alla creatività, consapevole del delicato equilibrio fra industria e ambiente ma soprattutto consapevole dell’enorme potenziale sinergico fra le due realtà.

— Simone Dragone, Presidente di MM

Primo Levi, personalità multiforme

Primo Levi possedeva una personalità sfaccettata: uomo di scienza, per trent’anni chimico alla Siva, azienda che produceva vernici, smalti e prodotti affini a Settimo Torinese, ma anche poeta, traduttore, inventore di rebus e giochi linguistici (cosiddetti palindromi): “Un maestro di contaminazioni, ibridazioni, intrecci, innesti, in cui l’arte combinatoria che è propria della chimica investe e arricchisce molteplici ambiti creativi”, come ha scritto Ernesto Ferrero, presidente del Centro internazionale di studi Primo Levi.

L’allestimento, progettato da Gianfranco Cavaglià, colloca il visitatore in una relazione particolarmente profonda con i singoli lavoro di Levi, permettendo di cogliere il carattere per così dire intimo e domestico con il quale lo scrittore si approcciava ai propri manufatti. Nel corso degli anni, infatti, Primo Levi realizzò come passatempo e attività ludica molte sculture con gli scarti di lavorazione del filo di rame smaltato dell’industria in cui lavorava, rilanciando un hobby che aveva praticato anche suo padre. Oggetti che esponeva nella libreria di casa o destinati agli amici.

Opera scultorea di Primo Levi a forma di farfalla.
Una delle diciassette opere di Primo Levi in mostra alla Centrale dell’acqua © Centrale dell’acqua

Le sculture, che per lo più rappresentano animali o creature fantastiche, sono il segno del vivo interesse di Primo Levi nei confronti del mondo naturale, e di quello animale in modo particolare, protagonista di molta della sua produzione letteraria e al quale lo scrittore ha dedicato pagine specifiche.

“Se potessi mi riempirei la casa di tutti gli animali possibili. Farei ogni sforzo non solo per osservarli, ma anche per entrare in comunicazione con loro (…) perché sono sicuro che ne trarrei uno straordinario arricchimento spirituale e una più compiuta visione del mondo”

— “Ferro”, Il sistema periodico, Primo Levi

La mostra è visitabile dal vivo gratuitamente presso la Centrale dell’acqua in Piazza Diocleziano 5  a Milano (MM 5 fermata Cenisio), dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La scultura di Adolfo Wildt tra Milano e la Mitteleuropa

Un imprinting squisitamente milanese inscritto in un percorso artistico dal respiro autenticamente mitteleuropeo: tali le ragioni dell’interesse locale e al tempo stesso internazionale della mostra dedicata ad “Adolfo Wildt (1868-1931). L’ultimo simbolista”, ospite d’onore della Galleria d’Arte Moderna di Milano sino al 14 febbraio.   55 sculture in gesso, marmo e bronzo dalle quali affiora

Gli scatti di Brassai, definito “l’occhio di Parigi”, in mostra a Milano

Gyula Halasz è il suo vero nome, ma per tutti è solo Brassai. Il fotografo naturalizzato francese — che in realtà francese non è — è stato definito l’occhio di Parigi, perché qui visse a lungo, considerandosi a pieno un suo cittadino e lasciando come testimonianza del suo profondo legame con la città, alcuni reportage