Che entrate con la super Tobin tax

Su come doveva e su com’è stata introdotta in pratica in Italia la tassa europea sulle Transazioni finanziarie (la Tobin tax) se ne discute da tempo. Da un lato c’è la lobby di chi ne ha osteggiato il lancio, dall’altro c’è il gruppo di chi critica i difetti della formulazione limitata.   La tassa italiana

Su come doveva e su com’è stata introdotta in pratica in Italia la tassa europea sulle Transazioni finanziarie (la Tobin tax) se ne discute da tempo. Da un lato c’è la lobby di chi ne ha osteggiato il lancio, dall’altro c’è il gruppo di chi critica i difetti della formulazione limitata.

 

La tassa italiana italiana, oltre a prevedere una serie di esclusioni, non è applicata sulla singola transazione ma sui saldi giornalieri e non interessa la grande massa dei derivati più speculativi (che rappresenterebbero il 65 per cento del gettito), ma solo quelli che hanno come sottostante le azioni, né ai titoli di Stato. Ma che cosa succederebbe se fosse applicata in senso ampio?

 

Una tassa con ampia base imponibile, ovvero applicata alla più ampia gamma di strumenti finanziari (secondo l’impianto della direttiva proposta dalla Commissione europea), con il ricorso al doppio principio di tassazione (di residenza dell’operatore e di nazionalità del titolo) e con aliquote dello 0,1 per cento per le azioni e dello 0,01 per cento per i derivati porterebbe nelle casse dello Stato dai 3 miliardi ai 6 miliardi di euro all’anno. La cifra emerge da un recente studio pubblicato da uno dei più autorevoli istituti di ricerca economica tedeschi, The German institute for economic research (DIW Berlin).

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,