Checco Zalone, ironia dissacrante per la ricerca contro la Sma

Checco Zalone regala alla ricerca contro l’atrofia muscolare spinale uno spot nello stile dei suoi film: politicamente scorretto ma di sicura presa

Potrebbe essere il trailer di un suo nuovo film, di quelli in stile Quo vado o Cado dalle nubi. Invece il nuovo spot dell’attore e regista Checco Zalone, diventato immediatamente popolare sul web, ha semplicemente il compito di sostenere la ricerca contro la Sma, l’atrofia muscolare spinale: un gruppo di malattie neuromuscolari ereditarie che colpiscono le cellule nervose destinate al controllo dei movimenti dei muscoli volontari.

Uno spot contro la Sma

È contro la Sma che il comico pugliese ha regalato il proprio contributo e la propria popolarità, senza cambiare il suo stile per l’occasione. L’ironia dissacrante, spesso anche politicamente scorretta (come nella scena finale in cui Checco, da perfetto italiano medio che interpreta in ogni film, litiga per il posto auto), è la stessa che lo contraddistingue nei suoi film. Ma con grande sensibilità: del resto, già in Sole a catinelle, Zalone si trovava alle prese con un bambino affetto da mutismo, trattando il tema con garbata irriverenza. La dimostrazione, dopo le polemiche sul fertility day, che si può ancora fare comunicazione in modo originale.

Articoli correlati
Donne ancora troppo poco presenti nel settore dell’energia

Cresce la percentuale di donne con formazione tecnico-scientifica, ma i ruoli apicali sono ancora appannaggio degli uomini all’interno delle organizzazioni e imprese dei settori dell’efficienza energetica, delle fonti rinnovabili e delle tecnologie low-carbon.

La doppia elica del dna compie 65 anni

Il 28 febbraio del 1953 quattro grandi ricercatori scoprirono “il segreto della vita”, la doppia elica del dna, il primo passo di un lungo viaggio, quello dell’ingegneria genetica.