Investimenti sostenibili

La Chiesa anglicana taglia i fondi alle aziende che non fanno nulla per il clima

La Chiesa anglicana lancia un monito alle aziende: hanno cinque anni per adeguarsi all’Accordo di Parigi, oppure dovranno fare a meno dei suoi investimenti.

Anche la Chiesa anglicana si aggiunge alla lunga lista di investitori che hanno deciso che non è più ammissibile finanziare a suon di miliardi chi contribuisce alla distruzione del nostro Pianeta. E lo dimostra approvando quasi all’unanimità un emendamento con cui si impegna a ritirare tutti i suoi investimenti dalle aziende che non si attivano, presto e coi fatti, per la lotta ai cambiamenti climatici. L’operazione, descritta dal quotidiano britannico The Independent, sarà completata nell’arco dei prossimi cinque anni.

La Chiesa anglicana sceglie la linea dura sul clima

La Chiesa anglicana investe i suoi capitali tramite alcuni enti: Church of England Pensions Board, fondo pensione che amministra circa 2,3 miliardi di sterline (2,6 miliardi di euro); Church Commissioners, che gestisce 8,3 miliardi di sterline (9,38 miliardi di euro) e nel 2017 ha donato 226,2 milioni (255 milioni di euro) alla Chiesa stessa; e Cbf Church of England Funds, che ha in mano altri 1,28 miliardi di sterline (1,45 miliardi di euro) ed è gestito dalla società specializzata Ccla.

Leggi anche: Caritas e altre 34 istituzioni cattoliche abbandonano carbone e petrolio

Finora la strategia di investimento della Chiesa anglicana è sempre stata impostata sul cosiddetto engagement. Quando investe in un’azienda, in sostanza, cerca di farsi sentire alle assemblee degli azionisti o di avviare un dialogo con il management, per convincerlo a indirizzare la propria strategia verso la tutela del Pianeta.

Ma domenica 8 luglio il Sinodo, riunito all’università di York, ha approvato il cosiddetto “emendamento Goddard”, che prende il nome dal suo promotore, il sacerdote Giles Goddard, membro del gruppo di lavoro sull’ambiente. Questa mozione cambia le carte in tavola e rende molto più incisiva l’influenza della Chiesa anglicana.

Cattedrale Saint Paul
Saint Paul è una delle due cattedrali anglicane di Londra © Nigel Tadyanehondo / Unsplash

Per i prossimi cinque anni quindi la Chiesa anglicana terrà d’occhio le aziende in cui ha investito, per verificare che stiano operando cambiamenti concreti per allinearsi agli obiettivi sanciti dall’Accordo di Parigi. Se non passeranno questo test entro la scadenza del periodo di prova, fissata nel 2023, le imprese dovranno fare a meno dei suoi capitali, che verranno ritirati e investiti altrove. L’emendamento Goddard è stato approvato con una maggioranza schiacciante: 347 sì, quattro no e tre astenuti.

“Dobbiamo esercitare la nostra leadership morale”

“Il voto del Sinodo rende chiaro che la Chiesa deve assumere un ruolo di guida ed esercitare la sua leadership morale sull’urgente questione dei cambiamenti climatici”, ha dichiarato un portavoce della Chiesa anglicana.

Proprio il periodo-cuscinetto di cinque anni, ha dichiarato il vescovo di Manchester David Walker, si rende necessario per innescare nelle aziende un cambiamento reale. Limitarsi a disinvestire da un giorno all’altro dai produttori di combustibili fossili – ha spiegato – finirebbe quasi per deresponsabilizzarli, lasciandoli liberi di proseguire per la loro strada. Così facendo, invece, la Chiesa anglicana vuole darsi del tempo per convincere le aziende a cambiare il proprio modello di business e rispettare l’Accordo di Parigi.

La data del 2023 – continua il vescovo David Walker – è anche coerente con la tabella di marcia di Climate Action 100+, la campagna con cui 289 investitori stanno facendo pressione sulle aziende più inquinanti del mondo, sempre per convincerle a fare la loro parte per il clima. Partita con un nucleo iniziale di 100 grandi aziende, di recente è stata allargata a 161.

 

Foto in apertura © Jonathan Brady – WPA Pool /Getty Images

Articoli correlati
;