Climate change performance index, l’Italia perde posizioni nella classifica della lotta contro i cambiamenti climatici

L’Italia perde posizioni nel Climate change performance index, l’indice che misura gli sforzi contro la crisi climatica. Ora è al 26esimo posto. Ma sul podio, non c’è nessuno.

Proprio mentre il Parlamento approva definitivamente il decreto Clima e a Madrid il ministro dell’Ambiente Sergio Costa si mostra in prima fila a sostenere la necessità di porre un freno immediato al surriscaldamento globale alla Cop 25, il Climate change performance index (Ccpi), un rapporto realizzato da GermanwatchClimate action network (Can) e dal New climate institute, in collaborazione con Legambiente, manda un messaggio chiarissimo: le azioni messe in campo dall’Italia per fronteggiare la crisi climatica non sono sufficienti e appaiono inadeguate a dare piena attuazione agli obiettivi di lungo termine fissati nell’Accordo di Parigi.

Gli sforzi dell’Italia non bastano ancora

Lo studio ordina in una classifica, dalla più virtuosa alla più inquinante, le nazioni che insieme rappresentano circa il 90 per cento delle emissioni globali, sulla base del Ccpi che si basa per il 40 per cento sul trend delle emissioni, per il 20 per cento sullo sviluppo sia delle rinnovabili che dell’efficienza energetica e per il restante 20 per cento sulla politica climatica.

L’Italia, che due anni fa era sedicesima e l’anno scorso 23sima, quest’anno è scesa al 26esimo posto. La buona notizia, secondo il rapporto, è che in questo ultimo anno l’Italia ha realizzato una piccola riduzione delle emissioni (-1 per cento).

Leggi anche: Cosa prevede il decreto Clima, approvato definitivamente dal Parlamento

La performance negativa è invece dovuta principalmente al rallentamento dello sviluppo delle rinnovabili (29esima posizione) e a una politica climatica nazionale inadeguata agli obiettivi di Parigi. La bozza del Piano nazionale integrato energia e clima (Pniec) consente una riduzione delle emissioni al 2030 di appena il 37 per cento: troppo poco per i redattori del report, e un passo indietro anche rispetto alla Strategia energetica nazionale (Sen) adottata nel dicembre 2017 che fissava un obiettivo del 42 per cento.

L’Unione europea fa un passo indietro

È, nel complesso, l’intera Unione europea, purtroppo, a fare quest’anno un notevole passo indietro, posizionandosi al 22esimo posto come entità politica globale rispetto al 16esimo dello scorso anno, a causa della scarsa efficacia delle singole politiche nazionali che rischiano di compromettere il raggiungimento degli obiettivi al 2030 per clima ed energia. Infatti, secondo le recenti proiezioni dell’Agenzia europea dell’ambiente, il trend di riduzione delle emissioni al 2030 è di appena il 36 per cento, inferiore all’obiettivo attuale del 40 per cento, che già sarebbe inadeguato secondo Legambiente, che punta almeno al 65 per cento. 

Secondo Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente, “l’Italia può e deve fare la sua parte nella lotta alla crisi climatica, ma serve un drastico cambio di passo rispetto al Piano nazionale integrato energia e clima proposto dal governo. Nel piano italiano non si va oltre una prospettiva di riduzione delle emissioni di appena il 37 per cento, con una proiezione al 2050 del 64 per cento. Obiettivo ben al di sotto delle possibilità del nostro Paese, come abbiamo recentemente dimostrato presentando una roadmap che consentirebbe di anticipare la completa decarbonizzazione della nostra economia entro il 2040”.

emissioni in italia
L’Italia può e deve fare la sua parte nella lotta alla crisi climatica, ma serve un drastico cambio di passo rispetto al Piano nazionale integrato energia e clima proposto dal governo © Sean Gallup / Getty Images

Nessun vincitore, tutti sconfitti

Ma chi c’è sul podio di questa speciale classifica? Nessuno. In maniera simbolica, infatti, il rapporto non attribuisce medaglie a nessun paese, perché ha raggiunto la performance necessaria per contrastare in maniera efficace i cambiamenti climatici in corso, in coerenza con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi, e non superare la soglia critica di 1,5 gradi.

Al quarto posto, prima tra i perdenti, si classifica ancora una volta la Svezia grazie ad un’ambiziosa politica climatica e una continua crescita delle rinnovabili, seguita dalla Danimarca che fa un grande passo in avanti salendo di dieci posizioni rispetto allo scorso anno. Tra i paesi emergenti, l’India migliora ancora la sua performance posizionandosi al nono posto, grazie alle basse emissioni pro-capite e al considerevole sviluppo delle rinnovabili. La Germania fa un piccolo passo in avanti posizionandosi al 23esimo posto grazie alla recente approvazione del pacchetto clima, che prevede tra l’altro l’eliminazione graduale del carbone entro il 2038.

Anche la Cina registra miglioramenti e raggiunge il centro della classifica posizionandosi al 30esimo posto, grazie ad una politica climatica più incisiva e all’ulteriore sviluppo delle rinnovabili, ma la scarsa performance nella riduzione delle emissioni e nell’efficienza energetica continuano ad avere un peso negativo sul suo ranking.

Leggi anche: Limiti agli studi sul clima e risultati “orientati”. Così Donald Trump ha deciso di attaccare la scienza

Per la prima volta l’Arabia Saudita (60) lascia il fondo della classifica agli Stati Uniti (61): con la presidenza Trump gli Usa continuano ad indietreggiare in quasi tutti gli indicatori compromettendo i passi in avanti degli scorsi anni. Tuttavia, segnali positivi giungono dall’inedita Alleanza per il clima – oltre tremila tra stati, città, imprese nazionali e multinazionali, università e college – che sta lavorando per mantenere gli impegni assunti a Parigi attraverso un’azione congiunta che va oltre le attività dell’amministrazione federale. Un altro segnale che il cambiamento dovrà necessariamente partire dal basso.

Articoli correlati