Conferenze sul clima

Cop 24. Stati Uniti, Russia, Arabia Saudita e Kuwait minano la trattativa

No dei delegati di Stati Uniti, Russia, Arabia Saudita e Kuwait al rapporto dell’Ipcc sui cambiamenti climatici. Duro scontro alla Cop 24 di Katowice.

La lotta ai cambiamenti climatici non è un patrimonio comune all’intera umanità. A confermarlo è stata la prima settimana di trattative alla Cop 24 di Katowice, la Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite. La comunità internazionale si è infatti divisa su un elemento cardine dei negoziati: il Rapporto speciale 15 dell’Ipcc, che ha spiegato quali conseguenze debba aspettarsi il pianeta in caso di aumento della temperatura media globale di 1,5 gradi, entro la fine del secolo, rispetto ai livelli pre-industriali.

Il rapporto dell’Ipcc fu commissionato dagli stessi governi

Il documento – che fu commissionato dagli stessi governi nel corso della Cop 21 di Parigi, nel 2015 – non si limita però a fornire una “fotografia” del mondo che ci attende in futuro. Spiega anche che la traiettoria attuale ci porterà a superare nettamente il limite che ci siamo fissati: la temperatura media crescerà infatti di oltre 3 gradi, il che comporterà una catastrofe climatica.

ipcc clima
La traiettoria che potrebbe seguire la crescita della temperatura media globale: continuando così, secondo l’Ipcc, si raggiungeranno i +1,5 gradi centigradi rispetto ai livelli pre-industriali già tra il 2030 e il 2052 © Ipcc

Non solo: i +1,5 gradi, attesi per il 2100, potrebbero arrivare infinitamente prima: già nel 2030, in assenza di azioni immediate e radicali da parte dei governi di tutto il mondo. E sono proprio queste considerazioni ad aver diviso i rappresentanti degli stati in Polonia. Con in particolare Stati Uniti, Russia, Arabia Saudita e Kuwait che hanno rifiutato di inserire nella bozza di conclusioni finali parole che possano lasciar intendere un sostegno al rapporto dell’Ipcc.

 

“L’atteggiamento di alcuni stati alla Cop 24 è atroce”

Così, anziché indicare che i governi “danno il benvenuto” allo studio, si è preferito indicare che essi ne “prendono nota”. Secondo quanto riferito dall’agenzia Ansa, sulla questione c’è stato un lungo braccio di ferro, e dal momento che non si è riusciti ad ottenere un accordo, “il passaggio del testo è stato accantonato”. “Il problema non è questa o quella parola – ha commentato Ruenna Haynes, delegata dello stato insulare centro-americano Saint Kitts e Nevis -. Il problema è accettare un documento che noi stessi abbiamo commissionato”. “Siamo molto arrabbiati e riteniamo atroce che alcuni paesi trascurino i messaggi che riceviamo e le conseguenze alle quali stiamo andando incontro, non accettando ciò che è evidente e non agendo nel modo necessario”, ha aggiunto Yamide Dagnet del World Resources Institute, secondo quanto riportato dall’emittente inglese Bbc.

La speranza è che nella seconda settimana di negoziati della Cop 24, quella che vedrà protagonisti direttamente i delegati “politici” e non solo i “tecnici”, si possa assistere ad un sussulto da parte della comunità internazionale. Ma il fronte guidato dalla Russia di Vladimir Putin e dagli Stati Uniti di Donald Trump appare per ora compatto.

Foto di apertura © cop24.gov.pl
Articoli correlati