Yuj, le radici dello yoga

“Yuj” è la radice sanscrita da cui deriva la parola yoga ed ha il significato di “unire, mettere insieme, controllare, integrare

La parola yoga copre una realtà molto vasta e ricca. In effetti, chi si avvicina allo yoga può perdersi nella caotica giungla di tutti i metodi, le pratiche, le tecniche che incontra.

Essenzialmente si può dire che ogni forma di yoga è caratterizzata da uno scopo comune a tutte, ossia la realizzazione di uno “stato di integrazione”. Cosa significa? Cos’è lo yoga?

Yoga: cosa significa la radice Yuj

Yuj” è la radice sanscrita da cui deriva la parola yoga ed ha il significato di “unire, mettere insieme, controllare, integrare”. Mettere insieme, quindi armonizzare tutto il nostro essere nei suoi vari aspetti, fisico, mentale, emozionale, intellettuale, integrando la personalità dell’individuo.

Poiché le persone sono tra loro diverse, necessitano di metodi diversi che possano tutti portare allo stesso obiettivo. Possiamo insomma percorrere strade differenti per giungere a una
méta comune. E’ il fine, lo scopo, che accomuna delle realtà di pratica e delle modalità tanto lontane tra loro, ed è proprio per questo che molti e diversi metodi vengono tutti chiamati “yoga”.

Yuj la radice dello yoga che significa integrazione
Yuj, la radice della parola yoga, significa integrazione

La pratica individuale oppure un gruppo di pratiche sistematizzate portate avanti per un lungo periodo e tramandate di generazione in generazione diventano parte della tradizione assumendo la forma di yoga. E’ questo il processo attraverso cui si sono formate le scuole e le “vie”.

La parola yoga

La parola yoga ha quindi due significati: yoga come scopo per raggiungere l’integrazione; yoga come insieme di pratiche, tecniche, tradizioni con un fine comune. Con questa chiarezza ci si può avvicinare alla vastità dei metodi e si possono evitare i fraintendimenti che spesso circolano e che mostrano lo yoga come qualcosa di mistico, di miracoloso, oppure come una religione o un insieme di esercizi ginnici o una medicina, per non parlare delle immagini più folcloristiche come sdraiarsi su un letto di chiodi, vivere isolati in luoghi solitari come le montagne dell’Himalaya o farsi seppellire sotto terra per un certo periodo di tempo.

Lo yoga non è neppure una filosofia

Non così come noi occidentali possiamo facilmente intenderla. E’ vero che diversi metodi di yoga si fondano su diverse visioni filosofiche o psicologiche, ma lo yoga è essenzialmente una via di pratica e di esperienza diretta; non si tratta di una conoscenza di tipo
intellettuale o speculativo, ma di una pratica che si accompagna a una trasformazione dell’individuo, in cui più che “comprendere” qualcosa, possiamo “realizzare” qualcosa.

 

Articoli correlati
La vita vissuta in armonia

“Ognuno deve vivere ogni suo momento con l’intensità con cui lo vivrebbe se fosse il primo attimo del nascere o l’ultimo istante del morire”.

Quale posizione adottare quando si medita

Gli insegnamento del Ven. U-Vivekananda relativi alla posizione corretta da assumere durante la meditazione Vipassana, con indicazioni preziose e utili anche per altre tecniche meditative in posizione seduta.

Elogio dell’agire

Marco Aurelio ed Epitteto c’insegnano che “la vita buona” non consiste nel vuoto parlare, bensì nell’agire.