La Bbc utilizza robot-spia per mostrarvi gli animali come non li avete mai visti

La nuova serie di documentari della Bbc ha documentato comportamenti intimi e sorprendenti che ci ricordano che gli animali non sono poi così diversi da noi.

Quale può essere il modo migliore per riprendere animali selvatici nel loro ambiente e documentare i loro pattern comportamentali eliminando il disturbo provocato da un operatore umano? Semplice, farli riprendere da membri della loro stessa specie.

Scimpanzé in Africa
Un esemplare di scimpanzé interagisce con il robot-spia che lo sta riprendendo. Secondo gli autori del programma le innovative riprese dimostreranno una volta per tutte che gli animali provano emozioni e intrecciano relazioni proprio come noi (Foto: Mathew Gordon/John Downer Productions/BBC)

“Spie” animali

Proprio su questa idea si basa la nuova e innovativa serie di documentari sulla fauna selvatica prodotta dalla Bbc e intitolata Spy in the wild. Gli animali saranno infatti ripresi grazie a delle speciali telecamere spia, precisamente degli animatroni, ovvero pupazzi meccanici, che riproducono fedelmente l’aspetto di numerose specie.

Alla scoperta dell’intimità degli animali

Oltre agli animali ripresi, i protagonisti della serie, composta da quattro episodi e che andrà in onda dal 12 gennaio, saranno proprio gli incredibili robot creati da un team di specialisti di robotica, programmatori e artisti per la John Downer Productions (per realizzare gli animali più complessi ci sono voluti fino a nove mesi di lavoro). Gli animali robotici sono telecomandati, sono stati progettati per interagire con gli animali reali e nascondono all’interno telecamere in miniatura, grazie alle quali potranno documentare i comportamenti più intimi delle specie riprese, come amore, intelligenza, amicizia e malizia. “Abbiamo notato che a volte gli animatroni hanno suscitato comportamenti particolari negli animali – ha affermato John Downer, produttore esecutivo della serie. – Si stabiliva un contatto tra il robot e l’animale, dando luogo a reazioni inaspettate, qualcosa che è impossibile ottenere con gli altri tipi di riprese”.

Le specie riprodotte

Sono stati realizzati per la serie animatroni che riproducono nel dettaglio 34 differenti specie animali, tra le quali licaone (Lycaon pictus), coccodrillo del Nilo (Crocodylus niloticus), elefante africano (Loxodonta africana), tartaruga leopardo (Stigmochelys pardalis), cane della prateria (Cynomys), langur duca (Pygathrix nemaeus), bucero beccorosso (Tockus erythrorhynchus), pigoscelide di Adelia (Pygoscelis adeliae), giraffa (Giraffa camelopardalis) e scimpanzé (Pan troglodytes).

Amore animale

Il tema del primo episodio della serie è l’amore e l’obiettivo dei robot spia è indagare i sentimenti degli animali. Ad esempio si assiste ad una sequenza che mostra un gruppo di langur, una specie di primate asiatico, che si avvicina al robot spia che in questo caso ha le sembianze di un cucciolo di langur e giace immobile al suolo, come morto. Le scimmie circondano il corpo, si azzittiscono e si abbracciano, dando l’idea di condividere un momento luttuoso per la loro comunità.

Mamma coccodrillo con i suoi piccoli
Spy in the wild mostrerà ai telespettatori gli animali “in un modo completamente nuovo”, secondo Tom McDonald, naturalista della Bbc (Foto: Richard Jones/John Downer Productions/BBC)

Siamo tutti animali

In passato si evitava con cura di attribuire agli animali caratteristiche umane per evitare l’accusa di antropomorfismo, oggi però i progressi effettuati nel campo dell’etologia e della cognizione animale hanno dimostrato che non siamo poi così unici e che effettivamente molte specie hanno comportamenti ed emotività simili ai nostri. “Non si può passare il tempo a osservare gli animali senza rendersi conto che gran parte di ciò che fanno assomiglia proprio a ciò che facciamo noi – ha spiegato John Downer. – Lo scopo di questa serie è quello di catturare alcuni momenti sfuggenti nei quali gli animali mostrano comportamenti che ci fanno riconsiderare il nostro collegamento con il mondo naturale”.

Articoli correlati