Fairy Oak. Il segreto delle gemelle

De Agostini, 2005

“Insolito, vero? Tutti sanno che fate e streghe non vanno d’accordo… ma siamo nel villaggio di Fairy Oak, e qui le cose vanno diversamente”

Dove… dove siamo?

Siamo in un luogo incantato. Dove “umani” e “magici” convivono, dove con la natura si vive in armonia… Qui, leggendo, si imparano i valori della convivenza, dell’amore per tutti gli esseri, per la vita, anche nei momenti difficili, il momento del passaggio dall’infanzia all’adolescenza, quando può esserci qualcosa di grigio, di minaccioso, in agguato…

Questa è la storia che ci racconta proprio lei, la scrittrice, Elisabetta Gnone, anzi, che ci racconta la fata Felì in questo romanzo.

Dal giorno 27 è in tutte le librerie d’Italia (con accanto una bustina di semini. Se nasce un fiore dai petali scuri,
sei “Pervinca”. Chiari, sei “Vaniglia”) la prima parte di una trilogia ideata da Elisabetta Gnone, la mamma delle Witch, che si è dedicata alla creazione – anzi, alla pittura – di un nuovo mondo fantastico, tutto verde, tutto vivo.

Il libro piacerà molto ai ragazzi. Ai più piccoli, che si perderanno nelle stimolanti pagine illustrate, ai più grandicelli, che si identificheranno in Vaniglia o Pervinca o Felì… e… a tutte le piccole streghe.

Durante la presentazione, ho colto questa “confidenza”. Questo progetto De Agostini sarà promosso anche con brevi
apparizioni in tv, dal 12 al 16 dicembre su RaiSat Ragazzi. Durante gli incontri con glil autori, Elisabetta doveva raccontare la trama, l’ambientazione, la vita dei personaggi e le relazioni. E l’ha fatto come sa farlo lei, con una tale avvolgente vitalità che… a un certo punto, uno di loro sussultò dicendo: “Ma… dov’è Fairy Oak?”.

Appunto.

Dov’è? E’ nei desideri della scrittrice, che intervistata da LifeGate rivela tutto quest’amore per la natura e per ogni essere; Fairy Oak è nella fantasia, ma Fairy Oak è anche un po’… leggendo questo libro, in ognuna delle sue pagine. Con quella magia che solo i racconti fatati sanno raccogliere, e seminare…

 

Articoli correlati
Balene. Scacco al capitano Achab!

Nonostante la moratoria internazionale alla caccia alle balene, ogni anno migliaia di cetacei muoiono, uccisi dalle baleniere, come accade nel celebre romanzo di Melville. Ma qualcosa sta per cambiare.

Equitazione e bambini

Uno sport utilissimo per la crescita psico-motoria del bambino. Il rapporto con il pony sviluppa anche il senso della responsabilità e dell’amicizia con l’animale.

L’evoluzione a fumetto

Tutto evolve. Muta. Cambia nel corso del tempo. Dalle specie animali e vegetali alle nostre conoscenze, da un singolo festival al concetto di “cosa sia” arte a quello di “cosa sia” letteratura. Il Festival Internazionale del Fumetto, del Gioco e dell’Illustrazione parla proprio di questo.