Acqua

Flint, dove migliaia di cittadini bevono acqua contaminata dal piombo

Il piombo, una sostanza chimica letale, ha contaminato l’acqua della città di Flint, Michigan. I cittadini rimangono sconvolti nel vedere le negligenze del governo venire a galla.

L’acqua è la cosa che gli abitanti della città statunitense di Flint, nel Michigan, temono di più dato che la contaminazione da piombo ha causato problemi di salute fisica e mentale alla gente del posto. Tra questi, lesioni della pelle, perdita di capelli, alti livelli di piombo nel sangue, perdita della vista e della memoria, depressione e ansia. Il presidente americano Barack Obama ha dichiarato lo stato di emergenza e ha stanziato 5 milioni di dollari per affrontare la questione. Nonostante il motivo della crisi sia ora chiaro e malgrado la risposta del governo, le soluzioni al problema sembrano ancora lontane.

 

Cos’è successo

In un ospedale di Flint si è scoperto che la percentuale di bambini con elevati livelli di piombo nel sangue è quasi raddoppiata, mentre altri dati mostrano che da quando la città, nell’aprile 2015, ha cominciato a prelevare l’acqua dal fiume Flint invece che dal sistema idrico di Detroit, la concentrazione di questo metallo è aumentata di dieci volte. Questa decisione è stata presa per risparmiare soldi intanto che Flint cercava il modo di reperire l’acqua dai Grandi laghi, un complesso di cinque bacini d’acqua dolce a cavallo tra gli Stati Uniti e il Canada. Purtroppo, però, l’acqua del fiume non è mai stata trattata con un anticorrosivo che avrebbe potuto evitare che il piombo filtrasse dalle vecchie tubature.

 

fiume flint
Il fiume Flint © Jeno/Flickr

 

La città di Flint

I residenti di Flint hanno cominciato a battersi prima che il disastro della contaminazione delle acque colpisse la città negli ultimi vent’anni. Questa città era la patria della casa automobilistica statunitense General Motors e contava una popolazione di 200mila persone, ma la crescente meccanizzazione dell’industria e l’outsourcing hanno portato alla perdita di 80mila posti di lavoro e a un dimezzamento della popolazione. Ora il 40 per cento degli abitanti vive al di sotto della soglia di povertà.

 

 

Il governatore lo sapeva

L’amministrazione del governatore del Michigan, Rick Snyder, era a conoscenza dei problemi di scolorimento delle acque, sapore cattivo e odore di “materia organica” ancor prima che i test condotti in alcune zone rivelassero concentrazioni di piombo due volte superiori ai livelli dei rifiuti tossici e i funzionari pubblici hanno raccomandato di curare tutti i bambini della città come se fossero stati avvelenati. Nel novembre del 2015 i cittadini di Flint hanno intentato una class action nei confronti del governatore, dello stato del Michigan e della città di Flint.

Il sindaco di Flint Karen Weaver ha previsto la necessità di ulteriori finanziamenti a sostegno dell’educazione speciale e della salute mentale a causa dell’impatto dannoso e permanente del piombo sulla salute della gente. Di fatto non esistono livelli sicuri di piombo perché il suo impatto è comunque devastante. Essendo una neurotossina che uccide le cellule cerebrali, è particolarmente pericolosa per i neonati, i bambini piccoli, gli anziani e le donne incinte, i cui figli rischiano un deficit cognitivo permanente.

 

La decisione di reperire nuovamente l’acqua dal sistema idrico di Detroit non ha risolto il problema perché dalle tubature continua a filtrare il piombo. I residenti optano per l’acqua in bottiglia, che è in parte offerta dalla guardia nazionale degli Stati Uniti, e se tutto va bene vinceranno la loro battaglia legale. In fin dei conti chiedono solo acqua pulita e sicura.

 

Immagine di copertina: © Bill Pugliano/Getty Images

Tradotto da

Articoli correlati