Meeting 2020

Giorgio Quagliuolo, Conai. Sull’economia circolare siamo all’avanguardia, ma serve più consapevolezza

REmini2020. Giorgio Quagliuolo, presidente di Conai, fa il punto su un tema che è già al centro dell’agenda europea: l’economia circolare.

In collaborazione con Giulia Bonafini e gli studenti dello Iusve

Durante la nostra trasferta a Rimini per raccontare il progetto REmini2020, non potevamo non lasciare la parola a chi l’ha ideato, in partnership con lo stesso Meeting. Stiamo parlando di Conai, il consorzio privato che si occupa del riciclo e del recupero dei rifiuti di imballaggio basandosi sui principi dell’economia circolare. Un’occasione come il Meeting di Rimini – spiega il presidente Giorgio Quagliuolo – è preziosa perché consente di incontrare faccia a faccia le persone e diffondere una maggiore consapevolezza sul ruolo del Consorzio, sui traguardi già archiviati e su quelli in cantiere per il prossimo futuro. “Siamo riusciti a raggiungere risultati di assoluta eccellenza, superando gli obiettivi posti dall’Unione europea per il 2025, e non siamo lontani da quelli che saranno in vigore nel 2030″, racconta alla redazione di LifeGate.

REmini2020, un cammino triennale verso la sostenibilità

LifeGate è in trasferta a Rimini per raccontare il progetto REmini2020, un percorso triennale che ha preso il via nel 2018. L’obiettivo è quello di rendere sostenibile il Meeting per l’amicizia tra i popoli, lavorando su diverse aree: economia circolare, energia, alimentazione, mobilità.

Qualche cifra può essere utile per comprendere la portata della manifestazione, che quest’anno spegne quaranta candeline. Dal 18 al 24 agosto i 130mila metri quadrati allestiti nella Fiera di Rimini vengono animati da convegni, workshop, tavole rotonde, mostre e spettacoli, che contagiano anche il territorio della città romagnola. Nel 2018 sono state registrate oltre 800mila presenze, con 627 relatori per 248 incontri. A mettere in moto questa imponente macchina organizzativa è uno staff suddiviso in 14 dipartimenti, affiancato da ben 2.527 volontari.

A collaborare con la Fondazione e stilare la strategia di sostenibilità del Meeting è Conai (Consorzio nazionale imballaggi). Questo è il primo importante banco di prova per la sua nuova sfida: affrontare il tema della sostenibilità nei grandi eventi con un approccio a 360 gradi.

 

 

Foto in apertura © Leonardo Usinabia / LifeGate
Articoli correlati