Greenboarder, il primo banner ecologico e sociale

L’azienda altoatesina Kunstdünger ha creato il primo banner made in Italy sensibile al tema ecologico e a quello sociale. Per saperne di più, abbiamo intervistato Eva Pichler, responsabile comunicazione dell’azienda.

Come nasce l’idea di Greenboarder?

Sul mercato esistono solo roll-up, quelli classici base in alluminio, che sono prodotti in Cina e hanno un impatto ambientale rilevante. La nostra azienda voleva creare un roll- up made in Italy e al 100 per cento ecologico. Da qui la collaborazione con il designer milanese Antonio Lanzillo e la Cooperativa sociale Cls di Saronno. Dopo un anno di sviluppo ė nato Greenboarder, il primo roll-up sociale e completamente ecologico, con un impatto ambientale minore rispetto a quelli cinesi.

 

Quali sono i suoi impieghi?

Il Greenboarder è un banner per la presentazione come altri sistemi roll up: quindi un sistema mobile di presentazione ed informazione, che si può usare in fiera, per eventi, ma anche in azienda per l’informazione, presentazione, segnaletica.

 

vista_eyewear_1140

 

Perché Greenboarder ha vinto il prestigioso Green Good Design Award?

Si tratta del primo banner ecologico, realizzato al 100 per cento in cartone, stampato con inchiostri ecologici a base d’acqua e quindi totalmente riciclabile. In Greenboarder anche la base può essere personalizzata, quindi stampata. Il banner è leggero (2,7 kg), facilmente trasportabile e immagazzinabile, poco voluminoso e quindi pratico e versatile. L’assemblaggio è facile e veloce. Tutti gli elementi, come le aste in cartone e i banner con fissaggi, sono compresi nell’imballaggio. Sprechi di risorse ed emissioni inquinanti di CO2, sia per quanto riguarda la produzione sia per il trasporto, risultano ridotti, pesando meno sui costi e sull’ambiente. Dopo l’uso, Greenboarder può essere gettato nel cassonetto di carta o cartone da riciclare. Infine è un prodotto sensibile anche al tema sociale, perché viene assemblato presso la Cooperativa Sociale CLS di Saronno.

 

Di cosa si occupa la Cooperativa Sociale CLS di Saronno?

È un cartonificio nel quale gran parte dei collaboratori sono disabili che vengono integrati nel mondo lavorativo. La Cooperativa è un luogo dedicato all’integrazione al lavoro delle persone con disabilità psicofisiche. Sono loro che realizzano il prodotto nel momento in cui arrivano gli ordini tramite lo shop online. I ragazzi impiegati nella produzione si occupano della fustellatura, della stampa e del confezionamento del banner.

 

Informazione redazionale

Articoli correlati