Il 21 marzo è la Giornata mondiale per l’eliminazione della discriminazione razziale

L’obiettivo della giornata è quello di sottolineare la necessità di un mondo di giustizia e di uguaglianza, dove la xenofobia e l’intolleranza non esistono.

Era la mattina di un 21 marzo, proprio come oggi, di 56 anni fa. In Sudafrica, in pieno apartheid, la polizia ha aperto il fuoco su un gruppo di dimostranti di colore uccidendone sessantanove e ferendone 180, in quello che è ormai famoso come il massacro di Sharpeville. La colpa di quegli uomini? Aver protestato contro le leggi razziali discriminanti, in particolare contro la cosiddetta “legge del lasciapassare” che imponeva ai cittadini sudafricani neri di dover esibire uno speciale permesso se fossero stati fermati dalla polizia in un’area riservata ai bianchi.

 

Proteste contro la discriminazione razziale
Le proteste dei cittadini sudafricani contro la cosiddetta “legge del lasciapassare”

 

È passato più di mezzo secolo da quella tragica giornata, eppure le discriminazioni razziali continuano ancora oggi a contaminare il pianeta, con il loro carico di odio, violenza e ingiustizia. In memoria del massacro di Sharpeville si celebra il 21 marzo la Giornata mondiale per l’eliminazione della discriminazione razziale, istituita dalle Nazioni Unite per contribuire a combattere il razzismo ogni volta e ovunque si manifesti.

 

“La giornata è l’occasione per rinnovare il nostro impegno per costruire un mondo di giustizia e di uguaglianza, dove la xenofobia e l’intolleranza non esistono. Dobbiamo imparare le lezioni della storia e riconoscere i danno profondi causati dalla discriminazione razziale”, ha dichiarato il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon. Il tema dell’edizione del 2016 della giornata è “Sfide e successi della Dichiarazione di Durban e programma di azione – 15 anni dopo”.

 

Nelson Mandela
Nelson Mandela, uno dei principali promotori degli scioperi contro le leggi sulla segregazione dei neri (AP Photo/Denis Farrell)

 

Nel 2001 nella città sudafricana di Durban si è svolta la Conferenza mondiale contro il razzismo, la discriminazione razziale, la xenofobia e l’intolleranza che ha adottato un programma globale contro il razzismo. Il programma contiene una vasta gamma di misure volte a combattere il razzismo in tutte le sue manifestazioni e sottolinea i diritti umani di tutti i gruppi che soffrono di discriminazione razziale, evidenziando il loro diritto di partecipare liberamente alla vita politica, sociale, economica e culturale.

 

Rifugiati in fuga dalla Siria
Rifugiati siriani al confine turco

 

Ciononostante i progressi in questo campo sono stati molto scarsi, episodi di discriminazione razziale, xenofobia e intolleranza sono ancora all’ordine del giorno. D’altronde non è neppure necessario un documento per rispettare gli altri, diversità e uguaglianza sono due facce della stessa medaglia, tutti siamo unici e diversi dagli altri e al contempo siamo tutti uguali, con un cuore e un cervello e desideriamo vivere in pace secondo la nostra natura.

Articoli correlati