Il conto delle minne, romanzo di donne

Un bellissimo romanzo di formazione, per tre quarti davvero avvincente. Poi, purtroppo, deludente perché perde d’intensità nei contenuti, nei ritmi e nello stile. Peccato.

Il libro inizia con la ricetta delle ‘minne di sant’Agata’, le
cassatelle che si preparano in Sicilia in occasione della festa
della Santa, ogni 5 febbraio. E proprio il 5 febbraio, nonna e
nipote, omonime della Santa, nella penombra della cucina si
dedicano al sacro rito della preparazione dei dolci: ” La nonna, di
cui porto il nome, aveva stabilito che io l’aiutassi in cucina
nella delicata preparazione dei dolcetti e mi designò
custode ufficiale della ricetta e sua unica erede”.

“Il conto delle minne dev’essere pari”, ricorda la nonna alla
nipote Agatina. E in questo libro le minne si contano e si
raccontano. Certo, sono i dolci le minne. Ma sono anche i seni,
simbolo di femminilità. Raccontano storie di bellezza,
dolcezza, amore e purtroppo anche di amarezza, tristezza e rancore.
Sono i seni grandi, morbidi, rotondi e sani, ma anche piccoli,
cadenti, invisibili o malati.

La piccola Agata cresce in questo libro. Assistiamo al suo
cambiamento da bambina a donna. Ci racconta la storia sua vita e
quella della sua famiglia, in particolare delle donne della sua
famiglia. Femminili, genuine, buone, ma anche cattive, arcigne e
dure.

Un bellissimo romanzo di formazione, per tre quarti davvero
avvincente. Poi, purtroppo, deludente perché perde
d’intensità nei contenuti, nei ritmi e nello stile.
Peccato.

Ci sono le debolezze delle donne, l’ostinazione per amori
logoranti, quelli a cui, chissà perché, ci si
affeziona di più. Ma soprattutto c’è la forza delle
donne. Quella di rinascere. Sempre. Perché ‘bel tempo e malo
tempo non dura tutto tempo’, come insegna la nonna alla piccola
Agata. Le donne lo sanno.

 

Articoli correlati
Ultima chiamata

Il regista Enrico Cerasuolo con la collaborazione di Gaetano Capizzi, direttore di Cinemambiente, e di Luca Mercalli, uno dei più famosi climatologi italiani, hanno deciso di farne un documentario che cerca di capire, a quarant’anni di distanza, se siamo ancora in tempo per cambiare le nostre abitudini, se siamo ancora in tempo per un’ultima chiamata.

Ambrosoli. Qualunque cosa succeda

La storia di Giorgio Ambrosoli raccontata dopo trent’anni dal figlio, che ricostruisce i fatti attraverso i ricordi, le agende del padre, i documenti processuali, articoli e filmati d’archivio.

Ambrosoli. Liberi e senza paura

Il percorso che ha portato Umberto Ambrosoli alla candidatura in Lombardia. Un’intervista esclusiva, il lessico ambrosoliano, la cronaca delle primarie. Lo sguardo di un uomo sul patto civico che vuole rinnovare la società.

10 #natalibri, i libri per il Natale

Le vacanze di Natale sono il momento ideale per leggere: al calduccio, sotto una coperta morbida, con la neve che scende e non fa rumore. Ecco i nostri 10 consigli.