Gli investitori che cambiano il mondo

La selezione dei fondi più sostenibili e l’azionariato attivo nelle assemblee delle aziende sono due efficaci strategie di investimento responsabile.

I fondi comuni etici e responsabili investono in azioni e obbligazioni selezionando quelle con punteggi più elevati da un punto di vista ambientale, sociale e di governance. Possono anche chiedere alle aziende in cui investono di impegnarsi in un processo di sviluppo sostenibile durevole nel tempo, monitorando i risultati.

Cosa sono i fondi comuni d’investimento

Un fondo comune d’investimento può essere paragonato ad un carrello della spesa che viene spinto dalle società di gestione del risparmio in un immaginario supermercato. Gli scaffali (i mercati regolamentati, come le Borse) sono pieni di azioni, obbligazioni, titoli di Stato che è possibile scegliere.

finanza rischi clima
Investire in modo sostenibile è possibile © Andrew Burton/Getty Images

Normalmente il carrello si riempie di un certo numero di prodotti, con l’obiettivo di operare quella che tecnicamente si chiama “diversificazione”. Ovvero investire su più titoli al fine di minimizzare l’impatto in caso di cattivo andamento di qualcuno di essi.

I fondi responsabili dal punto di vista sociale e ambientale e, ancor più, i fondi etici evitano di investire il denaro messo loro a disposizione dai risparmiatori in azioni o obbligazioni di società che non rispondono a determinati parametri e si impegnano a canalizzare in settori considerati meritevoli.

Le strategie per rendere etici gli investimenti

I fondi responsabili evitano aziende considerate non sostenibili o poco etiche, non facendo entrare nel “carrello della spesa” per esempio produttori di armi, di tabacco, compagnie coinvolte nel nucleare, nel petrolio, nel carbone, nel gioco d’azzardo o che aziende coinvolte in gravi episodi riguardanti temi quali il rispetto dei diritti dei lavoratori, il rispetto dell’ambiente e la corruzione.

È anche possibile scegliere le società con punteggi più elevati all’interno dei propri settori di appartenenza. In questo caso il fondo può applicare i criteri di valutazione sulla base di parametri ambientali, sociali e di governance, attribuendo loro un punteggio sintetico e selezionando solo gli emittenti con punteggi superiori ad una soglia assoluta (approccio “best in class”).

Manifestazione di solidarietà alle tribù Sioux di Standing Rock di fronte alla sede della banca di investimenti Wells Fargo. Foto © Erik McGregor/Pacific Press/LightRocket via Getty Images
Una manifestazione contro gli investimenti nelle fonti fossili negli Stati Uniti © Erik McGregor/Pacific Press/LightRocket via Getty Images

Può un fondo etico e responsabile utilizzare il proprio ruolo per rendere le società in cui investe più etiche, più sostenibili, più rispettose dei diritti dei lavoratori, dell’ambiente e più trasparenti?

Cos’è e come funziona l’azionariato attivo

La risposta è sì, grazie all’azionariato attivo. Il fondo, acquistando azioni, diventa pro quota proprietario dell’azienda in cui ha investito. Questa condizione dà il diritto di voto all’assemblea generale dell’azienda quotata e può orientare le imprese verso strategie, processi e prodotti/servizi che integrino considerazioni rilevanti legate alla sostenibilità sociale e ambientale e promuovere la creazione e il mantenimento di una solida struttura di governance.

La storia dell’azionariato attivo è d’altra parte particolarmente antica. L’idea di sviluppare tale attività risale infatti al 1928. All’epoca il Pioneer Fund, creato a Boston, negli Stati Uniti, e gestito da religiosi, aveva deciso di acquistare delle azioni per domandare a determinate imprese di non investire più in settori giudicati “immorali”. Nel 1968, poi, fu la volta degli studenti dell’università di Cornell, a New York, che chiesero al consiglio accademico di non investire in gruppi che lavoravano con il governo razzista del Sudafrica, all’epoca dell’apartheid.

La finanza etica nasce per mettere al centro delle scelte finanziarie, oltre che economiche, le persone e l’ambiente. Questo significa riconoscere i limiti della natura e dell’agire utilitaristico, significa assumere una prospettiva di impegno nel lungo periodo. Non è la scelta più semplice, ma è quella che dà più valore.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
Whirlpool, guardare lontano puntando al net zero

Zero emissioni nette entro il 2030, zero sprechi e zero rifiuti in discarica. Il colosso degli elettrodomestici spiega come intende raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi di sostenibilità.

Articolo sponsorizzato