Ipertensione, la salute in un cesto di verdure

La dieta ideale contro l’ipertensione prevede soste quotidiane dal fruttivendolo per fare un pieno di frutta e verdura.

di Catia Trevisani

Il consumo regolare di frutta e verdura, alimenti ricchi di potassio e poveri di sodio, è un autentico toccasana per chi soffre di ipertensione. Tra i più indicati sono da segnalare: broccoli, carote, zucca, cavoli, spinaci, asparagi, pere, mele, melone, prugne, albicocche, banane.

banana ipertensione
Un gruppo di ricercatori della Vanderbilt University School of Medicine sostiene che mangiare banane abbassa il rischio di pressione alta negli anziani. © Ingimage

Un altro valido aiuto è quello fornito da calcio e magnesio che offrono una certa protezione dall’ipertensione e possono essere terapeutici se assunti partendo da alimenti di origine vegetale: entrambi si trovano in grande quantità nelle foglie verdi e nei legumi.

Alghe, per una carica di sali minerali

Un altro gruppo di alimenti consigliati nei casi di pressione alta sono le alghe, il cui consumo fornisce sali minerali nelle percentuali e nei rapporti ottimali. In particolare, nell’alga laminaria japonica è stata individuata una sostanza, la laminina, che ha un effetto benefico sull’ipertensione. Induce, infatti, il rilasciamento della muscolatura liscia arteriosa e favorisce l’eliminazione del sodio attraverso l’urina.

alghe ipertensione
Le alghe favoriscono l’eliminazione del sodio, principale responsabile della pressione alta. © Ingimage

Inoltre, le mucillagini delle alghe limitano fortemente anche l’assorbimento del colesterolo, nemico di arterie e pressione alta, in quanto contengono aminoacidi solforati, legati cioè ad una molecola di zolfo e sostanze steroliche che riducono i livelli di colesterolo nel sangue.

Vitamina C contro l’ipertensione

Anche la vitamina C svolge un ruolo molto importante nella prevenzione e nella terapia dietetica dell’ipertensione. Studi scientifici hanno dimostrato che più è basso il livello della vitamina, più è alta la pressione; viceversa, più la suddetta vitamina è presente in grandi quantità, più la pressione tenderà a rimanere sotto controllo. La vitamina C aiuta inoltre l’organismo ad eliminare i metalli pesanti quali piombo (ritrovato in elevate concentrazioni nel sangue di un numero significativo di ipertesi) e cadmio (elemento che aumenta la pressione sanguigna) assunti in continuazione tramite l’aria, l’acqua, il fumo di sigaretta.

Articoli correlati