Italiani sedotti dalla comunicazione etica

Quasi due italiani su tre si dichiarano interessati alla comunicazione etica, sostenibile e socialmente responsabile. È un verdetto senza appello a favore dell’informazione etica quello che arriva da un’indagine realizzata da Gfk Eurisko e commissionata da Aleteia.org.   Ma la ricerca svela anche un’altra preferenza degli italiani in questo campo: il web e i social media si

Quasi due italiani su tre si dichiarano interessati alla comunicazione etica, sostenibile e socialmente responsabile. È un verdetto senza appello a favore dell’informazione etica quello che arriva da un’indagine realizzata da Gfk Eurisko e commissionata da Aleteia.org.

 

Ma la ricerca svela anche un’altra preferenza degli italiani in questo campo: il web e i social media si impongono come media d’elezione per la componente di interattività peer-to-peer, la possibilità di partecipazione condivisione e scambio che caratterizza la rete. Insomma, ormai è tempo di wikigiornalismo, cioè di giornalismo condiviso.

 

La comunicazione etica raccoglie ampie consensi su tutte le fasce d’età, con circa il 70 per cento degli intervistati che la ritiene unica, distintiva e nuova. Il 63 per cento arriva a dire che ne riconosce la forza persuasiva e quindi l’efficacia, con una punta del 68 per cento tra i giovani. Il 50 per cento degli intervistati assegna alla comunicazione socialmente responsabile, una superiore capacità di raccogliere attenzione, gradimento e convinzione.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,